Il sottosegretario Vito Crimi va alla guerra contro l’Ordine dei giornalisti

0
147
Vito Crimi (foto tratta dal profilo Fb)

E’ guerra a tutto campo tra Governo gialloverde e giornalisti. A sparare il primo colpo è stato il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega all’Informazione e all’Editoria, Vito Crimi, il quale, senza troppi peli sulla lingua, ha espresso l’intenzione di abolire l’Ordine dei giornalisti. Comprensibile, quindi, a questo punto, la reazione stizzita di Carlo Verna, presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti.

A voler essere precisi, però, Crimi ha chiarito che attende il processo di autoriforma e che solo in seguito ci saranno le valutazioni del governo, non escludendo, a quel punto, l’eventuale abolizione dell’Ordine dei giornalisti. Per la verità, il sottosegretario Crimi affronta un problema molto serio e di estrema attualità, quello delle nuove professioni, sostenendo che «c’è l’insieme dei comunicatori, dei social media manager, tutto un nuovo tema: non è solo l’informazione condivisa, ma un’informazione nuova e diversa con strumenti diversi». In effetti, rispetto al mondo professionale degli anni Sessanta del secolo scorso, quando cioè venne fondato l’Ordine dei giornalisti, le trasformazioni che si sono avute sono state a dir poco enormi. C’è stata un vera e propria rivoluzione professionale che fa apparire la professione giornalistica, così come la si viveva fino a qualche decennio fa, terribilmente superata. E con essa l’Ordine.

Insomma, il problema di riformare se non proprio abolire l’Ordine dei giornalisti esiste per davvero ed è proprio fuori luogo parlare di minaccia alla libertà di stampa, di fascismo e di altre idiozie del genere. Sul ruolo dell’Ordine, sui suoi compiti e funzioni, sulle nuove professionalità, sulla tutela della dignità anche economica così come sull’autonomia e libertà degli operatori dell’informazione, è al contrario indispensabile un confronto a tutto campo. In altre parole, il problema esiste e va affrontato a viso aperto.

E’ inutile, infatti, mettere la testa sotto la sabbia: in Italia la tutela dell’informazione e degli iscritti presenta fin troppe zone d’ombra. In una recente ricerca internazionale, l’Italia si colloca al 52esimo posto nella libertà di stampa. Non è un gran risultato, soprattutto per l’Ordine dei giornalisti. Anzi, nonostante l’Ordine dei giornalisti. E viene davvero da pensare se effettivamente serve a qualcosa.

E’ altrettanto vero, inoltre, che in Europa non c’è bisogno di nessun Ordine per esercitare la professione di giornalista. E l’accesso alla professione, come ci spiega Carlo Marino, giornalista non iscritto all’Ordine, accreditato in Germania, oltre che scrittore e blogger,  «continua ad avvenire nella gran parte dei paesi UE anche sul campo. Per strada, come diceva Indro Montanelli a chi volesse fare il giornalista: “si compri un bel paio di scarpe comode, per cominciare”». E ancora: «Ad ogni modo è prassi presentarsi a un editore, proporre la propria esperienza, il proprio curriculum, mettere in luce la propria passione per il mestiere, e si entra nel mondo dell’informazione… Senza la necessità di un ordine professionale».

E’ un altro mondo, in tutti i sensi. E di sicuro non è che basti liberalizzare la professione, viste come sono enormi le distanze in termini socio-economici oltre che culturali tra il nostro Paese e buona parte dell’Europa. La verità è che restiamo, anche nel giornalismo, dei provinciali.

In conclusione, nel mondo del giornalismo c’è molto da cambiare. Una cosa appare certa: occorre uscire dalla logica burocratica del pezzo di carta, del tesserino. Giornalista lo è chi la esercita la professione e non chi è iscritto all’albo e basta. E le tutele vanno innanzi tutto trovate in norme ad hoc e in accordi sindacali. E soprattutto, per assicurare al massimo l’autonomia e la libertà, va rivista la legge sull’Editoria, favorendo e sostenendo l’editoria pura, contrastando, al contrario, in modo decisivo quella impura, ovvero le proprietà editoriali nelle mani di grandi gruppi: industriali, bancari, commerciali, talvolta politici. In ultimo, i giornalisti professionisti o comunque quelli (pubblicisti ma non professionisti) che in ogni caso non esercitano altre professioni o impieghi, vanno tutelati con estremo rigore, sia da un punto di visto professionale che economico. Tanto per intenderci, nel settore pubblico, così come nel privato extra-editoriale, l’attività di comunicazione e informazione a tutti i livelli deve essere svolta esclusivamente non solo da chi ha i titoli e più ancora le competenze, ma riconoscendo loro anche un compenso dignitoso e adeguato, oltre che commisurato alla professionalità, e non come ora gli spiccioli.

Poi, che l’Ordine dovrà ancora esistere o invece essere abolito, si vedrà. Di certo, va profondamente riformato perché come è adesso, per quel che vale e conta, serve davvero a poco.

Articolo precedenteReggia di Caserta: in pensione Mauro Felicori, il direttore che lavora troppo
Articolo successivoNapoli, Notte di San Lorenzo a Capodimonte
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.