Rifiuti, si può fare di più

0
122

La sobrietà, la capacità di sintesi e la competenza costituiscono indubbiamente il tratto distintivo di Antonello Barretta, di cui oggi pubblichiamo un’intervista rilasciata al nostro giornale. E confessiamo, in tutta onestà, di condividere del tutto il contenuto delle sue risposte che, tra l’altro, sono una fonte assai feconda di utili riflessioni.

Come non essere d’accordo, d’altronde, sul fatto che l’inconsistenza dei partiti e l’assenza di dibattito sui temi che interessano la città porta alla nascita di associazioni, movimenti e delle più diverse iniziative, per rispondere all’insopprimibile esigenza di partecipare alla vita politico-amministrativa, avvertita da una larga parte dei cittadini. E il neo sodalizio promosso e presieduto da Barretta risponde a queste motivazioni di fondo, a prescindere da ciò che poi, in concreto, riuscirà a mettere in campo.

Ad ogni modo, la scelta del tema dei rifiuti per il primo incontro pubblico promosso, in collaborazione con il nostro giornale, dall’associazione di Barretta sembra assai felice.

Quella dei rifiuti, infatti, è una questione aperta e sempre attuale, purtroppo. E sul tema non mancano le polemiche, anche aspre, per la gestione in generale e per i costi troppo elevati che ricadono direttamente sui contribuenti.

L’attuale Amministrazione comunale in merito si è senz’altro adoperata sin dai primi giorni del suo insediamento, ma ha fatto meno di quanto ci si aspettava e i risultati sono assai più modesti di quanto si sperava. Resta ancora molto da fare, in termini di organizzazione del servizio, di scelte politiche, di comunicazione, di contrasto ai fenomeni di inciviltà, di riduzione dei costi. D’altra parte, pur con una Metellia che tenta quotidianamente di fare al meglio la sua parte, la città pur non potendo essere considerata poco pulita presenta troppe situazioni poco decorose, soprattutto nelle frazioni, dove è ormai endemica la presenza di mini discariche a cielo aperto.

In questo senso, è sconcertante vedere sui social i post del sindaco Servalli, fotografato tra suppellettili e rifiuti abbandonati, in cui denuncia l’inciviltà di alcuni suoi governati. Non sappiamo chi con suicida genialità consiglia questi post a Servalli, il quale così certifica un’impotenza rispetto a certi comportamenti che è eufemistico definire villani, ma anche una preoccupante incapacità di contrastarli e, purtroppo, una avvilente inadeguatezza nel governo della cosa pubblica per la manifesta assenza di una diversa e più incisiva idea gestionale della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani.

L’auspicio è che anche su ciò l’Amministrazione Servalli cambi passo. L’obiettivo è quello di avere una gestione dei rifiuti più moderna, una città più pulita e una bolletta più leggera. Non è impossibile se ognuno fa la propria parte, perché come evidenzia Barretta occorre la collaborazione di tutti noi cittadini… ma occorre prioritariamente e come esempio, che l’amministrazione pubblica faccia efficacemente e celermente la propria parte”.

Tentare si può e si deve, visto che a guadagnarci saranno tutti, nessuno escluso.

Articolo precedenteCava, nella comunicazione sui social ci batte pure Vietri sul Mare
Articolo successivoAgropoli, dal 1° luglio al Centro Visite Trentova torna il Summer campus
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.