Governo M5s-Lega… nulla sarà come prima

0
173
(foto tratta dal sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Il governo gialloverde presieduto dal professor Giuseppe Conte ha ricevuto la fiducia dei due rami del Parlamento ed è ora nel pieno dei suoi poteri.

E’ scontata la curiosità, così come l’attesa, per quello che riuscirà a fare, ma anche come lo farà. Tra M5s e Lega, infatti, è stato sottoscritto un accordo di programma delle cose da fare che va sotto il nome, assai brutto e fuorviante, di contratto di governo, ma molte, anzi troppe sono le questioni non contemplate così come quelle che restano appese, indefinite. E persino per quelle che sembrano essere dei capisaldi programmatici, vale a dire reddito di cittadinanza, flat tax, giustizia, pensioni e immigrazioni, non si capisce granché sia in ordine ai contenuti che ai tempi.

Alcuni aspetti, tuttavia, fin d’ora balzano agli occhi.

Appare assai evidente l’ostilità, spesso rivestita da una preoccupazione tanto legittima e fondata quanto supponente ed ipocrita, manifestata dai mass media, dai maître à penser e, in generale, dall’intellighèntsia e dall’establishment ai vari e più diffusi livelli. Insomma, non si è mai vista una levata di scudi così generalizzata nei riguardi di un governo appena nato, già crocifisso prim’ancora di aver compiuto un solo atto, aver adottato un solo provvedimento. E pensare che, agli inizi, per Letta e Renzi le peana si sprecavano, per non parlare di un Paese genuflesso riverente ai piedi del salvatore Monti. Persino Berlusconi veniva incensato oltre misura.

La circostanza, inutile negarlo, sembra non solo eccezionale, ma anche sospetta. Vuoi vedere, viene da pensare, che c’è il timore che questi nuovi governanti possano pestare i piedi un po’ troppo a più di un interesse consolidato delle classi dominanti del Belpaese?

Certo, l’inesperienza e le dubbie qualità dei pentastellati così come l’aggressività su diversi temi da parte dei leghisti, inducono a più di una preoccupazione, ma questo fuoco di sbarramento cui si sta assistendo sembra davvero eccessivo e fuori luogo. Insomma, lasciamoli lavorare e valutiamoli per quello che faranno concretamente.

D’altro canto, bisogna rassegnarsi al fatto che la maggioranza e più degli italiani ha votato per leghisti e pentastellati. Evidentemente in loro c’era e c’è una forte esigenza di un radicale cambiamento, che va ben oltre i risultati su occupazione e ripresa economica ottenuti dai governi a guida Pd. E’ stato, e questo forse lo sanno anche gli scolari delle elementari, un voto anti-sistema, ovvero agli elettori gialloverdi questo nostro sistema politico e socio-economico non va: dalle pensioni alle politiche di accoglienza dei migranti, dal mercato del lavoro che non tutela i più deboli (lavoratori in nero, occasionali, precari…) ad un fisco oppressivo e tiranno, dalla corruzione pubblica alla burocrazia elefantiaca, lenta e alienante, e via di questo passo.

Detto questo, è più che legittimo chiedersi: tutte queste speranze di cambiamento sono forse state mal riposte dagli elettori lo scorso 4 marzo? E’ presto per dirlo. Probabilmente sì, ma c’è tutto il tempo per valutare, ovviamente al netto di questa eccessiva demonizzazione in atto e del sottile ma insistente terrorismo politico che punta a ingigantire tutto e il contrario di tutto. Ne è un esempio banale, quello del presunto incidente diplomatico con la Tunisia. Un paese amico che va rispettato e con cui bisogna chiarirsi e collaborare, anche nel nostro interesse. Da qui, però, a contrabbandare la richiesta di chiarimenti rivolta al nostro ambasciatore come la consegna di una minacciosa e letale dichiarazione di guerra da parte di una potenza straniera, offesa e umiliata da quel rustico di Salvini, davvero la cosa sembra non solo eccessiva, ma soprattutto ridicola.

Stiamo quindi a vedere cosa succede in concreto, senza illudersi e tifare in un verso o nell’altro, ma coltivando la sincera ed interessata speranza che gli eventuali vantaggi dell’azione di governo Conti siano superiori agli eventuali danni che potrebbero essere provocati. E, in questa ottica, non è da sottovalutare la possibilità che tutta questa voglia di cambiamento porti alla confusione di un sostanziale immobilismo o peggio ancora all’ennesima riedizione del gattopardismo italico.

Poche cose sembrano, invece, alquanto emergenti. La prima, è che questa nuova stagione della politica italiana porta inevitabilmente al superamento di un armamentario che ci accompagna dal secolo scorso: destra-sinistra-centro, ma anche fascismo-antifascismo, populismo-democrazia. Dobbiamo cioè fare i conti con un fenomeno originale e sensibilità politiche inedite, da qui la necessità di attrezzarsi anche culturalmente per cercare di capire. La seconda, è che Berlusconi, Renzi, Forza Italia, il centrodestra e forse lo stesso Pd, appartengono ad un passato politico che rischia di essere superato o se non proprio già in via di estinzione.

Nulla, insomma, sarà come prima.

Articolo precedenteCava, il “Della Corte-Vanvitelli” domani presenterà i risultati dei progetti Erasmus
Articolo successivoIstat, ad aprile scorso registrato un forte calo delle vendite al dettaglio
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.