Cava, la buccia di banana di Pasquale Senatore

0
887
il consigliere comunale di Forza Italia Pasquale Senatore

Nel leggere il comunicato di smentita del consigliere Pasquale Senatore, a quanto pare firmato anche dal commissario cittadino di Forza Italia Fortunato Palumbo, confesso che mi è venuto da ridere, anche se ci sarebbe da piangere, pensando a qualche gag di Totò.

L’avvocato Pasquale Senatore, infatti, smentisce «categoricamente quanto titolato al quotidiano Ulisse on-line ovvero che “Forza Italia voterà Adolfo Salsano a Presidente del Consiglio Comunale”». Il nostro, forse, ha qualche problema con la lingua italiana visto che nel comunicato di cui avevamo dato conto in mattinata si legge che Forza Italia “è concorde nel dare sostegno al candidato della maggioranza, per l’elezione a presidente del Consiglio e nello stesso tempo concorderà con l’opposizione, di cui fa parte, il nominativo su cui confluire per la elezione del Vice presidente”. Molto semplicemente, considerato che il candidato della maggioranza fino a prova contraria ad oggi è ancora Adolfo Salsano (e questo lo sanno tutti i pilastri dei nostri portici), vuol dire che il consigliere Pasquale Senatore, ovvero Forza Italia, questo pomeriggio voterà Salsano. Così come voterà insieme a tutta l’opposizione, di cui fa parte, il nominativo che sarà prescelto per la vicepresidenza.

Non si capisce, allora, cosa Pasquale Senatore smentisca. Verrebbe da dire che il nostro ha poche idee ma ben confuse. Chissà.

Non se ne abbiano a male, ma a me Fortunato Palumbo e Pasquale Senatore mi hanno fatto venire in mente Totò e Peppino quando a Milano si rivolgono ad un imponente ghisa con un’espressione diventata cult: “Noio volevam savuar, per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?”.

Detto ciò, quel po’ di esperienza politica maturata soprattutto negli ultimi anni mi fanno comprendere le ragioni che giustificano questa retromarcia di Pasquale Senatore.

Il comunicato di Forza Italia, quali che siano i motivi più o meno reconditi o reali, è stato indubbiamente una fuga in avanti che, di fatto, compromette l’unità delle opposizioni, ma non solo. E questo, infatti, mal si concilia con legittime aspirazioni di un consigliere di opposizione come Pasquale Senatore nel momento in cui bisogna individuare i nominativi da eleggere ai due cariche spettanti alla minoranza: la vicepresidenza del Consiglio comunale e la presidenza della Commissione consiliare di Garanzia.

Comprensibile, insomma, essere protagonista di un precipitoso ed avventato dietrofront per tentare di rimediare ad un errore facendolo passare per un banale malinteso, piuttosto che compromettere la propria posizione politica per essere scivolato sulla più classica  delle bucce di banana.

Per questo, all’avvocato Pasquale Senatore, nonostante tutto, formuliamo i migliori auguri per quest’oggi e per il futuro. Ci permettiamo solo di suggerirgli di essere più accorto quando si sottoscrivono comunicati stampa o altri documenti, perché come avverte una celebre locuzione latina, “verba voltant, scripta manent”.

E tentare di smentire i giornali, caro Pasquale Senatore, è un esercizio sempre molto pericoloso e temerario (meglio, a questo punto, utilizzare il verbo precisare piuttosto che smentire, sfruttando al meglio la ricchezza del nostro idioma, non a caso appellato come idioma gentile). Anche perché con le smentite non solo non si rimedia al danno provocato, ma spesso c’è il rischio di ingigantirlo, se non addirittura di coprirsi di ridicolo o quantomeno di perdere in credibilità. Non solo politica, ma anche umana e professionale.

Articolo precedenteCava, Forza Italia annuncia che oggi in Consiglio comunale voterà Adolfo Salsano a presidente
Articolo successivoCava, Adolfo Salsano eletto presidente del Consiglio comunale
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.