Cava, Murolo e l’unità perduta del centrodestra

0
260
Marcello Murolo

Il comunicato stampa-documento politico di Forza Italia e Fratelli d’Italia, diffuso nella giornata di ieri, certifica in modo inequivocabile e plateale che il centrodestra cavese è ormai politicamente diviso.

E, tutto sommato, questo è un elemento di chiarezza, forse l’unico che emerge da questa vicenda. Siamo passati cioè da un’unità politica sterile, ipocrita e fittizia, più predicata che praticata, ad una frattura conclamata nel centrodestra. Non si sa quanto essa sia profonda e se rimarginabile, ma almeno ora tutti hanno contezza della sua esistenza.

E’ fin troppo evidente, infatti, che manca la firma della Lega di Salvini, la quale, non è un mistero, in modo non ufficiale ma scontato sostiene da sempre la candidatura a sindaco di Marcello Murolo che, almeno sulla carta, nasce come espressione di un’associazione politica d’area.

D’altro canto, a nessuno sfugge che questo pronunciamento degli azzurri e dei sostenitori cavesi della Meloni è il primo segnale di vita e, in quanto tale, la prima risposta che a scoppio molto ritardato viene data all’annuncio di Murolo di correre per la carica di primo cittadino metelliano alle prossime comunali.

Murolo non viene, in verità, mai citato nel comunicato stampa, tuttavia, non mancano chiari riferimenti alla sua persona e alla sua candidatura, quando si legge che «non è sano anticipare i tempi» o quando viene affermato che non saranno sostenuti progetti frutto di «prerogative personali che fanno solo aggregazioni di tipo personalistico»

Vero è, però, che non viene neanche bocciata a priori la sua candidatura. Più che altro è sostanzialmente ignorata, come se fosse un elemento estraneo alla dinamica politica interna al centrodestra. Si nota comunque, anche se in termini generici, un’apertura: c’è «chiara la volontà di proseguire su un tavolo di confronto costruttivo, anche allargato a tutti coloro che vogliono contribuire, dove possano trovare spazio tutti i progetti ed i propositi che possono creare una idea di una nuova Cava de’ Tirreni…». Insomma, c’è spazio anche per Murolo, par di capire.

Tutto, però, appare molto fumoso. Siamo al cospetto di una nebulosa politica da cui non si riesce a stringere e intravedere nulla o comunque assai poco. Per il resto, è un rosario di buone intenzioni, ma le vie dell’inferno, purtroppo, sono lastricate proprio dalle migliori intenzioni. Questa è l’impressione che si ricava da un comunicato scarsamente incisivo e concreto, a tratti finanche verboso per essere sufficientemente intelligibile all’umana gente.

Forse, sforzandoci di capire, risponde ad una sola esigenza, quella di ribadire la propria presenza politica in città. Lo si intuisce quando nelle prime battute si legge che «Forza Italia e Fratelli d’Italia ci sono» e, nelle battute finali, «il centrodestra c’è».

Peccato, però, che l’unità del centrodestra cavese al momento proprio non c’è e neanche viene espresso un candidato a sindaco. Tutto ciò oggi è una certezza, a meno che, dai tavoli provinciali, non verranno un bel po’ di diktat, magari facendo calare poi dall’alto anche il nome del candidato sindaco unitario. E questa è un’eventualità assai probabile se non certa, vista la concomitanza con le elezioni regionali, se perdurerà l’incapacità a livello locale di trovare la quadra. In altre parole, Cava non è l’ombelico del mondo e, quindi, al centrodestra cavese verrà imposto di correre unito.

In questa prospettiva, non è escluso che Murolo uscito dalla finestra entri dalla porta, anzi, dal portone principale…

I filosofi la chiamano eterogenesi dei fini.

Articolo precedenteCava, Forza Italia e Fratelli d’Italia parlano di unità del centrodestra ma perdono la Lega
Articolo successivoCava, l’ex assessore Enrico Bastolla punzecchia Servalli: “Ti sfido a indire le primarie per decidere il candidato sindaco”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.