Lello De Prisco, un sindaco giovane che vive il presente nella speranza di costruire il futuro

0
304

Ho conosciuto il sindaco di Pagani dai social, in questi ultimi mesi del secondo lockdown, in piena campagna vaccinale. Mi aveva favorevolmente impressionato la qualità della sua comunicazione istituzionale. Puntuale, chiara, precisa, incisiva, ma anche accattivante, fresca, immediata. In breve, genuina, sincera, giovanile, moderna. Niente di paludato, lezioso, posticcio e stantio.

Così, quando un comune amico, cavese, mi ha proposto di incontrarlo e magari approfittare per intervistarlo, ho accettato senza pensarci due volte, tant’è che oggi il nostro giornale ha pubblicato proprio l’intervista al primo cittadino di Pagani.

La conoscenza personale del sindaco Lello De Prisco mi ha, almeno in parte, confermato l’idea che mi ero fatto di lui leggendo i suoi post sui social.

Un primo cittadino giovane, ma soprattutto con una invidiabile carica di entusiasmo, di voglia di fare, ma anche di consapevolezza delle difficoltà per le carenze strutturali dell’ente comunale di cui è alla guida e per il momento delicato e complicato che vive l’intero Paese. Questo, a quanto pare, non gli impedisce di guardare oltre il quotidiano, cercando così di immaginare oltre l’orizzonte, ma tenendo i piedi ben piantati per terra.

Quello che colpisce è la sua determinazione, il coraggio di mettersi in gioco in prima persona, la volontà di perseguire un progetto di città mostrando, in proposito, di avere le idee molto chiare.

Ascoltandolo, però, vengono fuori i suoi punti di forza più significativi: il senso della squadra, l’esperienza intensa vissuta nel mondo del volontariato e dell’associazionismo, e forse in modo sorprendente, rispetto ai tempi in cui viviamo, la passione civile coniugata ad una fede profonda, tanto da credere fermamente nei disegni e nell’intervento della Provvidenza.

Per un laico, per un sindaco, scusate se è poco, soprattutto in quest’epoca di diffuso relativismo e di sfrenato edonismo consumistico. Fatte le dovute proporzioni, il sindaco De Prisco per certi versi sembra quasi seguire le orme di uno dei grandi della storia repubblicana, Giorgio La Pira, il cosiddetto sindaco “santo” di Firenze tra gli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso.

L’intervista offre numerosi spunti di riflessione. Ne isoliamo tre, per non tediare oltremisura i nostri lettori.

Prima riflessione. Il sindaco De Prisco ha ereditato un comune in dissesto, tanto che, fra le varie ristrettezze, non può permettersi neanche un ufficio di staff. E’ singolare, in questo, che deve provvedere di tasca propria per avvalersi di una collaboratrice per la comunicazione. “I soldi meglio spesi”, ci ha tenuto a chiarire.

Non se ne abbia a male il nostro sindaco Servalli, dotato di un ufficio staff e di comunicazione, il quale dovrebbe prendere ad esempio il suo collega di Pagani, quantomeno per una comunicazione più incisiva e uno staff più reattivo. E non diciamo altro.

Seconda riflessione. La vittoria di De Prisco alle comunali con una aggregazione rigorosamente civica indica una strada da percorrere anche nella nostra città. Per superare l’attuale palude in cui si trova la politica metelliana, il civismo appare una scelta obbligata per costruire un post Servalli diverso e di qualità. Non resta che andare oltre i partiti e gli schieramenti per cercare di ovviare all’attuale cattiva politica fatta di clientelismo, di pessima gestione della cosa pubblica e di una selezione del personale politico troppo spesso di scarsa qualità e valore.

Terza riflessione. De Prisco in più di un passaggio ha tenuto a precisare che prima di essere sindaco è stato ed è un pellegrino.

Questa sua vocazione mi riporta alla mente una illuminante pubblicazione di qualche anno fa di un maestro di filosofia e sociologia qual è stato Zygmunt Bauman: “La società dell’incertezza”. In questo saggio Bauman si sofferma a delineare la figura del pellegrino, distinguendola da altre, come quella del vagabondo e del turista.

“Per i pellegrini nel tempo, la verità è altrove -scrive Bauman- il vero luogo è sempre a una certa distanza, lontano nel tempo. Dovunque il pellegrino sia ora, non è il luogo dove dovrebbe essere o dove sogna di essere”.

In questa definizione forse si ritrova a suo agio il sindaco De Prisco: proiettato nel futuro nella speranza di costruirlo lavorando intensamente nel presente.

Articolo precedenteIntervista al sindaco di Pagani Raffaele De Prisco: “Quello che conta è la squadra e fare squadra”
Articolo successivoCava, il coprifuoco è già saltato? Traffico a san Francesco dopo le 23
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.