Cava, l’evanescenza dell’opposizione e il silenzio tombale del centrodestra

0
645

In tutta Europa siamo in campagna elettorale per il rinnovo dell’europarlamento il prossimo 26 maggio. Nella nostra città, tuttavia, è di fatto iniziata la campagna elettorale anche per le prossime comunali. Solo che queste ultime si terranno, giorno più giorno meno, tra un anno.

Ad aprire le danze è stato il sindaco Servalli con un manifesto in cui ha celebrato le realizzazioni di questi primi quattro anni del suo mandato. Non si è fatta attendere la risposta dell’opposizione, per la precisione della Lega, e in secondo battuta dell’aspirante candidato sindaco del centrodestra (ammesso che ci sarà una coalizione di schieramento) Marcello Murolo.

L’impressione, forse sbagliata e anche prematura nel senso di essere affrettata, è che si siano già definiti i contendenti: Pd con Servalli da una parte, Lega e Murolo dall’altra. Nella realtà, nel 2020 non sarà affatto così. Sono facilmente prevedibili altri protagonisti. Il M5S, la sinistra che va oltre il Pd, ma anche Forza Italia e Fratelli d’Italia a completare lo schieramento di centrodestra. Infine, immaginiamo, più di una lista civica. In altre parole, un panorama politico-elettorale molto più complesso e articolato, ma soprattutto assai più affollato.

Detto ciò, quel che emerge è l’impalpabilità dell’opposizione in Consiglio comunale in primo luogo, e più in generale in città.

Per quanto abbiamo inteso, non solo dai resoconti giornalistici, nell’ultima seduta consiliare l’opposizione ha dato una prova per nulla esaltante per inconsistenza e assenze, buona parte delle quali del tutto ingiustificate da un punto di vista sia etico che politico. Sia chiaro, la città non ha bisogno di una classe politica che si divide pretestuosamente, bensì di  politici che si confrontano e si misurano sulle soluzione da dare ai problemi. Altra cosa, però, è la melassa della compromissione opportunistica e interessata, come quella che ha già negativamente contraddistinto l’ultimo anno della precedente consiliatura, quando non si riusciva a comprendere dove finiva la maggioranza e quando cominciava l’opposizione. Ora, spiace dirlo, si ha in parte la stessa, sgradevole sensazione. Ciò, ovviamente, come abbiamo avuto modo di evidenziare già in altre occasioni, costituisce un aspetto molto deleterio per i costumi della politica e dei suoi protagonisti.

Non meno sconcertante, in verità, è il silenzio, la pressoché totale inazione politica dell’opposizione, dai cinque stelle agli azzurri di Forza Italia, a Fratelli d’Italia, a parte in questi ultimi tempi, e con il minimo sforzo, la Lega, l’ultima arrivata, e a sinistra il movimento civico guidato dall’ex assessore Bastolla. Se non conoscessimo personalmente molti degli esponenti e dei responsabili di queste forze politiche, verrebbe il dubbio sulla loro effettiva presenza nella valle metelliana.

Certo, per chi è addetto ai lavori, è comprensibile che tra i motivi di una tale evanescenza politica vi sia l’attesa del voto europeo, il quale, soprattutto per le forze di centrodestra, sembra aver assunto quasi il carattere di una moderna ordalia, da cui far discendere la futura primazia e il prossimo ordine delle cose. Non ci sembra, tuttavia, che un tale atteggiamento sia giustificabile, ma soprattutto comprensibile dagli elettori di centrodestra, i quali se alle attuali europee potrebbero avere le idee chiare a chi dare il loro voto, non è affatto scontato che avranno altrettante chiarezza e convinzione alle comunali del prossimo anno.

D’altro canto, che il centrodestra sia fermo al palo rispetto alle comunali 2020 è un dato di fatto assodato. Da mesi, dopo che Giovanni Baldi e Marcello Murolo manifestarono alle forze politiche la loro aspirazione a correre quali candidati sindaco, il centrodestra non si è più riunito attorno ad un tavolo. E’ calato un preoccupante silenzio tombale, che non è foriero di nulla di buono per nessuno, a cominciare dagli aspiranti sindaci dichiarati a quelli ancora in incognito, che però potrebbero venir fuori in tempo utile, com’è il caso di Fabio Siani.

Insomma, il centrodestra metelliano, spiace dirlo, al momento è messo davvero male. Si è impantanato di brutto. Manca una leadership. Non si intravede neanche un cireneo che si prenda la briga di porre sulle proprie spalle la croce di mettere insieme i cocci, di chiamare a raccolta cavalieri e fanti, di inventarsi una tavola rotonda.

Il rischio per le componenti del centrodestra è di arrivare all’appuntamento delle comunali in ordine sparso, peggio impreparate, peggio ancora costrette a stipulare un accordo politico-elettorale al ribasso, mettendo su una coalizione raffazzonata, male assortita, improvvisata nei contenuti programmatici, approssimativa nelle regole d’ingaggio, condannata a dotarsi di un personale politico selezionato alla carlona.

Certo, un simile scenario è più che possibile, ma non è detto che si verifichi per davvero. Tutto è possibile e tutto può succedere, nel bene e nel male.

Quel che è sicuro, invece, è che il tempo lavora a favore del sindaco Servalli, il quale, come una formichina, sta mettendo a posto i vari tasselli, preparandosi al meglio per la riconferma a primo cittadino nel 2020.

In ogni caso, a meno di fatti ed eventi al momento imprevedibili, alle prossime comunali sarà il sindaco uscente Servalli l’uomo da battere. Non fosse altro perché lui c’è. Gli altri, forse.

Articolo precedenteCava, dal 4 al 31 maggio la seconda edizione dei Villaggi della salute “Promozione Salute e Benessere
Articolo successivoTre buone notizie
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.