Governo gialloverde… sarà un altro papocchio?

0
529
foto tratta dal profilo Fb

Sono ancora in corso, tra non poche difficoltà e sospetti, le trattative per la formazione del governo targato Cinque Stelle-Lega, che già le perplessità crescono a dismisura. E non solo sul programma delle cose da fare e sui nomi di premier e ministri, ma più in generale su quella che è una scelta così forte e strategica per entrambe le forze politiche protagoniste di questa vicenda.

Chi sembra messo decisamente peggio è Matteo Salvini. Viene da chiedersi, ma davvero gli conviene entrare al governo attraverso un vero e proprio collo di bottiglia? Sì, perché uno che è leader di una coalizione che supera il 37 per cento dei consensi può allearsi in solitaria con chi quasi da solo ha poco meno gli stessi voti? E per fare cosa? E come?

Il rischio di snaturarsi, in questa prospettiva, per Lega è più che consistente così come quello di ritrovarsi con le pive nel sacco nel giro di pochi mesi. Certo, questo vale anche per il M5s, ma in misura assai più contenuta, almeno adesso e all’apparenza.

I problemi, però, per Salvini non sono solo questi. Che tenuta può avere la coalizione che si guida e che, legittimamente, può aspirare a governare autonomamente il Paese, nel momento in cui il proprio leader la spacchetta per andare a governare con altri? Non è affatto da escludere, infatti, che possa andare tutto alla malora per il centrodestra, o quantomeno avere dei contraccolpi che saranno pagati sia in termini elettorali che di tenuta e credibilità politica delle coalizione.

D’altro canto, qualche segnale negativo lo si coglie fin d’ora. Lo è, ad esempio, l’incontro che si è avuto ieri tra la Meloni di Fratelli d’Italia e il leader pentastellato Di Maio. Il tenore del colloquio, stando a quanto si è appreso, è stato a dir poco irritante per un  elettore medio di centrodestra, per alcuni di loro potrebbe essere ritenuto finanche offensivo e inquietante. Anche in questa vicenda, viene da chiedersi: è scontato e legittimo che Di Maio faccia il suo gioco, ma il leader del centrodestra, quindi Salvini, può consentire che un proprio alleato, ovvero Fratelli d’Italia, venga trattato senza una pari dignità politica da chi dovrebbe essere il futuro partner di maggioranza? Forse utilizziamo categorie del passato, di quella tanto vituperata prima repubblica, ma i rapporti politici non possono non avere un’etica, una linearità comportamentale, e non trovare un fondamento nel rispetto della dignità politica e personale.

A complicare ancor più il percorso di Salvini è indubbiamente anche la notizia di oggi, ovvero la riabilitazione giudiziaria di Berlusconi, il quale potrà nuovamente candidarsi. Non è proprio una cosa da poco.

Insomma, Salvini farà meglio a farsi i suoi conti, soprattutto per non restare incastrato in un governicchio e in un’alleanza degna del peggiore papocchio. Forse, un governo di tregua, come propone il presidente Mattarella, non è la peggiore soluzione, anche per Salvini.

L’importante, infatti, è far partire questa legislatura e dare un nuovo governo al nostro Paese per il tempo necessario a ritoccare le norme elettorali e a predisporre la legge di bilancio. Poi, in un secondo momento, si giocherà la partita finale con nuove elezioni da dove far uscire un vincitore e non più, come ora, dei vincitori farlocchi e, molto probabilmente, un governo nato da un papocchio.

Articolo precedenteCava, Raffaelina Trapanese sarà il nuovo assessore all’Istruzione e ai Trasporti
Articolo successivoLa Cavese nei playoff liquida il Cerignola aspettando il Taranto
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.