Servalli e gli errori da correggere

0
619
il sindaco Vincenzo Servalli (foto di Aldo Fiorillo)

Era più che scontato: la nuova Giunta Servalli, al di là di qualche dettaglio, nasce nel segno della più ferrea continuità. Non è, del resto, nelle corde del nostro primo cittadino avere un guizzo per sparigliare le carte, anzi. D’altro canto, i risultati delle urne sono inequivocabilmente chiari. La città ha promosso il sindaco Servalli e i suoi. Punto. Poi, si possono fare mille ragionamenti, distingui a iosa e ricerca delle responsabilità a tutto campo. Tutto ciò, però, lascia il tempo che trova. Les jeux sont faits, rien ne va plus. Se ne parla il prossimo giro, se tutto va bene.

Questo, però, non vuol dire affatto che l’elettorato cavese ha firmato una cambiale in bianco. Tutt’altro. I cavesi hanno confermato la fiducia al Sindaco, ma i problemi restano e non sono stati affatto cancellati. E sono tanti, aggravati anche dalle contingenze economiche e sociali legate al Covid. Inutile farne l’elenco. La vicenda, poi, che ha coinvolto il dirigente comunale Sorrentino, impone, senza entrare nel merito specifico dei fatti contestati, uno sforzo suppletivo da parte di tutti affinché il Palazzo di Città diventi per davvero un palazzo di vetro. Sono troppe le ombre, i dubbi, le preoccupazioni. Non basta, come ha fatto il Sindaco stamani, dare rassicurazioni su rigore e trasparenza, occorre invece accendere i fari su tutta la vita amministrativa. E non solo del Palazzo di Città, ma anche delle partecipate, prima fra tutte l’Ausino.

Sembrerà strano, ma Servalli mai come in questo secondo mandato non potrà affatto cullarsi sugli allori. L’impressione è che avrà, rispetto al passato, un’opposizione molto più agguerrita e pressante, ma soprattutto per nulla docile ed addomesticabile. Non solo. La fiducia che i cavesi gli hanno tributato, impone a lui e a tutta l’Amministrazione comunale di fare di più e meglio, anche perché maggiori sono le aspettative. Di non vivere, quindi, come spesso è accaduto nella consiliatura appena conclusa, nell’ordinario. Di non sforzarsi di guardare oltre il quotidiano. Di adagiarsi sui risultati ottenuti. Di governare senza neanche la parvenza di una visione strategica.

La verità è che rispetto al recente passato la città è peggiorata, o quanto meno non è migliorata in confronto a cinque anni fa, per non dire dieci anni fa. E’ più sporca, meno sicura, più disordinata, più rumorosa, meno controllata. Le frazioni continuano ad essere abbandonate e deluse. La mobilità urbana sempre più problematica e confusa. La macchina comunale, poi, nel suo insieme spesso non sembra affatto adeguata alla bisogna, anzi. In troppe occasioni appare fuori fase. Non sembra agire e vivere nel suo tempo.

E’ scontato che tutto ciò è dipeso solo in parte dagli attuali amministratori, i quali molto, in negativo, hanno ereditato. Ora però sono loro i padroni del vapore ed è a loro che va presentato il conto.

Ed è anche vero, siamo onesti, che governare di questi tempi non è proprio una passeggiata. E’ sempre più tempo di vacche magre, di sacrifici, di cinghie da tirare. Forse proprio per un siffatto contesto, i cavesi alla fine hanno preferito, come dire, l’usato sicuro e riconfermato Servalli, il quale ha sempre mostrato di avere molto buon senso, equilibrio e moderazione. Insomma, Servalli è di sicuro una persona assennata. Proprio per questo, agli albori di questo suo secondo mandato, ci permettiamo di suggerirgli di far sua una massima di un maestro di saggezza quale Confucio:  “Se fate un errore e non lo correggete, questo è un vero errore”.

Bene, il nostro Sindaco, più di chiunque altro e a dispetto di quello che magari è costretto ad affermare pubblicamente, sa bene gli errori che, inevitabilmente, avrà commesso. Sì, perché nessuno è esente da pecche e cantonate. Quel che conta è comprendere gli sbagli e correggersi. L’auspicio è che Servalli, per il bene suo e dei suoi governati, sappia discernere al meglio e correggere strada facendo le cose che non sono andate come pensava.

D’altra parte, meglio correggersi autonomamente piuttosto che essere incalzato dagli avversari. E, forse, correggersi potrebbe voler dire, al di là della Giunta in continuum, cambiare passo e prospettiva.

Articolo precedenteCava, da oggi è ufficialmente cominciato il “Servalli bis”
Articolo successivoCovid-19, i casi in Italia alle ore 18 di ieri
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.