Cava, la confusione da suk del centrodestra metelliano

0
218
foto Gaetano Guida

A Cava de’ Tirreni, la Lega da una parte e Forza Italia e Fratelli d’Italia si parlano attraverso i comunicati stampa. La frattura politica del centrodestra è ormai un dato di fatto. D’altra parte, quando i partiti di una stessa coalizione, invece di vedersi attorno a un tavolo di lavoro, precisano le loro posizioni attraverso dei comunicati stampa, allora vuol dire proprio che le cose vanno male e i rapporti politici traballano. E’ un po’ come quando marito e moglie si parlano attraverso i propri avvocati: diventa difficile la riappacificazione, molto più probabile la separazione e poi il divorzio.

La Lega nel suo comunicato di stamani è attenta a non scoprire le sue carte rispetto alla candidatura a sindaco di Murolo, ma la sua apertura al civismo è una sorta di premessa ad una sua prossima dichiarazione ufficiale in tal senso, non appena i tempi saranno più maturi.

Non mancano, però, le zone d’ombra. Una, tanto per essere chiari, riguarda l’iniziativa politica presa da Giovanni Baldi e altri esponenti del centrodestra a fine settembre, in vista proprio delle prossime elezioni, che fu bollata dai partiti del centrodestra, Lega compresa, come una svolta “verso un percorso civico”, definendola con un certo risentimento come “un’iniziativa di evidente matrice civica”. Insomma, quasi che fosse stato compiuto un reato di lesa maestà verso i partiti del centrodestra. Tanto da chiedere se “l’iniziativa intrapresa si pone in contrasto con l’indirizzo politico dei partiti del centrodestra ovvero vuole aprire con gli stessi partiti un tavolo di confronto”. Concludendo che “i partiti di centrodestra ritengono necessario che il gruppo di ‘amici’, capitanato dal dottore Giovanni Baldi, chiarisca alla intera opinione pubblica la collocazione politica che intende assumere”.

La domanda sorge spontanea: cos’è cambiato per la Lega in questi due mesi? Potremmo dire, due pesi e due misure?

Molto probabilmente non conosciamo tutte le dinamiche interne alla coalizione di centrodestra, quindi, sono molte le circostanze che sfuggono alla nostra comprensione di osservatori tanto attenti quanto esterni ed estranei alle segrete cose.

Ad ogni modo, cogliamo in positivo quello che c’è in questa posizione espressa dalla Lega metelliana, ovvero l’apertura al civismo, come si diceva una volta alla società civile. Forse sarebbe proprio il caso che i partiti del centrodestra si chiarissero le idee attorno ad un tavolo di confronto, ma senza retropensieri. In altri termini, farebbero bene ad andare oltre il nominalismo, cioè ben oltre i nomi dei candidati a sindaco possibili ed eventuali. Cominciassero, quindi, a chiarirsi le idee sulla piattaforma politica, sul loro ruolo e su quello degli eventuali civici, poi su chi dovrebbe essere il candidato unitario e sul programma elettorale da proporre ai cavesi.

Insomma, piuttosto che fare tatticismi e scrivere lettere d’amore (si fa per dire), meglio sarebbe lavorare con serietà gomito a gomito per presentare alla città una proposta politica degna di questo nome.

Un po’ di onestà intellettuale e di serietà da parte di tutti non guasterebbe di sicuro e sarebbe apprezzata dai cavesi, soprattutto dal popolo di centrodestra, sempre più disorientato, deluso, irritato e forse anche disgustato da un andazzo degno del peggiore suk mediorientale, piuttosto che di una coalizione di partiti convinta di avere le carte in regola per governare la città.

God Save the Queen, è l’esortazione dei britannici. Noi, più modestamente, ci auguriamo che Dio salvi Cava!

Articolo precedenteLa Saledil Guiscards va a caccia del tris contro la Phoenix Caiavano
Articolo successivoCava, da domani al via gli eventi natalizia all’insegna de “Il Sogno è la Luce”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.