I cavesi e la “solitudine dei numeri primi”

0
251
foto Vincenzo Giaccoli

Nel suo viaggio alla scoperta del presente e del domani della nostra città, Ulisse ha incontrato, con un lunga e poderosa intervista pubblicata oggi, un giovane professionista, un trentenne cavese che ormai da quasi vent’anni vive a Roma. Stiamo parlando di Filippo Durante, un avvocato di successo, ma anche un giornalista pubblicista, uno dei migliori prodotti e in assoluto il più giovane redattore uscito da quella fucina di giornalisti, di idee e di fermento politico, che fu negli ultimi anni del secolo scorso il mensile cittadino Confronto. E in quella redazione Filippo Durante, appena sedicenne, si affermò subito come un Mozart della penna e del pensiero, per il suo talento precoce e la maturità intellettuale, distinguendosi però anche per la sua serietà, umiltà e modestia. Ora che è un professionista apprezzato e affermato nella Capitale, Filippo Durante mostra una profondità di riflessione ed una lucidità di analisi davvero pregevoli, accompagnate comunque dal suo innato equilibrio, ma soprattutto da un forte attaccamento alla propria terra.

Le perspicaci e talvolta pungenti argomentazioni di Filippo Durante sono tutte da leggere. Prendiamo, ad esempio, la risposta su quelli che sono i punti di forza di Cava. Ebbene, tra gli altri, il nostro individua “la dimensione umana, rara in uno spazio urbano, che si respira”, la qualità della vita, la “vivace agorà della polis; l’imperturbabilità; quell’“aria di sopravvivenza signorile” che Giuseppe Prezzolini così bene seppe descrivere”.

All’apparenza, quella di Durante sembra quasi una visione idilliaca della valle metelliana, tipica del cavese che vive lontano dalla propria città. Non è affatto così. Durante, infatti, è puntuale e sagace anche nell’elencazione dei nostri punti deboli, dove, tra l’altro, annovera “l’autoreferenzialità; l’assenza di una chiara identità economica; una concezione della tradizione come “imbalsamazione” e, dunque, come prigione; la pratica diffusa del chiacchiericcio, del pettegolezzo, dell’inciucio; l’illusione di essere migliori, che spesso si traduce in hybris”, per intenderci in un orgoglio insolente, ma anche in “una malcelata attitudine alla malevolenza, o quantomeno alla diffidenza, verso i concittadini che emergono”. E’ severo Durante in questa sorta di incalzante j’accuse? No, è solo veritiero. Un verità nuda e cruda, senza sconti.

Nella sua analisi sul presente e sulle prospettive della nostra città, Filippo Durante mostra di avere idee chiare oltre che apprezzabili: dalla connotazione economica al folclore, dalla cultura alla necessità di non fermare l’attenzione sul Palazzo di Città bensì di guardare oltre le mura cittadine, dalla desertificazione giovanile che patisce la città alla movida che fa economia, ma che dovrebbe puntare verso l’alto “sul piano dell’offerta culturale e non solo sul crinale della frivolezza”.

Fermiamoci qui, non senza però evidenziare tre inviti molto acuti e stimolanti rivolti ai cavesi.

Il primo, quando invita i cavesi a “non attardarsi, come Don Chisciotte, in battaglie perse”. In breve, non perdere tempo a lagnarsi, piangendo sul latte versato, bensì attrezzarsi per giocare al rilancio. Il secondo, quando invita i cavesi a sottrarsi a uno scenario “da solitudine dei numeri primi”, al contrario, impegnarsi a fare rete con le realtà vicine. Il terzo, quando invita a buttar via quella che chiama “la sindrome dei cento metri”, ovvero quel pezzo di città che, aggiungiamo noi, è sempre presidiato dai vigili urbani e va dal Comune a piazza Duomo, al più mettendoci dentro un tratto del centro storico. “Vale a dire -spiega Durante- l’attitudine a ritenere che tutto il mondo si concentri in quel breve tratto di strada”.

Non crediamo che questi inviti abbiano bisogno di essere ulteriormente chiariti o commentati. Parlano da soli.

In ultimo, merita una riflessione a parte la battuta finale di Filippo Durante: “Cava è quasi un personaggio in cerca d’autore”. E’ una frase un po’ sibillina. Forse, vuol dire semplicemente che la nostra città deve trovare una strada di crescita da percorrere in questo nuovo millennio. In altre parole, come ha sottolineato in una delle sue risposte, Durante sollecita la città a provare a capire cosa vuol fare da grande, ponendo così fine alla “sua aporia”. Insomma, di non vivere più nell’incertezza, smetterla di essere né carne né pesce. C’è da chiedersi, però, se questo processo decisionale e di maturazione dovrà essere compiuto dalla città nella sua interezza o attraverso la guida di una leadership politica forte, autorevole, lungimirante. Molto probabilmente, però, l’una non esclude l’altra. Anzi no, molto più probabilmente la leadership emergerà solo quando la città maturerà una scelta che è innanzi tutto culturale oltre che politica.

Il problema vero, al momento, è che all’orizzonte non si intravede ancora niente di tutto ciò.

Articolo precedenteINTERVISTA SULLA CITTA’ Filippo Durante: “Cava è quasi un personaggio in cerca d’autore”
Articolo successivoINTERVISTA SULLA CITTA’ Filippo Durante: “Cava è quasi un personaggio in cerca d’autore”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.