LIBRI & LIBRI Il ruggito della poesia

0
39

Per chi dava spacciata la poesia ha sbagliato a fare i conti. Seppur entrati a pieno regime nel Terzo Millennio, in piena globalizzazione, la poesia cambia volto e strumenti rimanendo una forma di espressione intramontabile.

A tal proposito è stata interessante, recentemente a Napoli, il progetto Radio Poesia che si è proposta di ravvivare l’interesse per la poesia contemporanea mettendola su un “ponte digitale” attraverso l’ausilio di Radio Siani; ciò ha consentito di avvicinare il pubblico ai poeti tedeschi creando sinergie con i poeti italiani per un dialogo interculturale piùi incisivo tra Germania e Italia, avvalendosi di traduttori e traduttrici.

Nel contesto di un panorama poetico internazionale contemporaneo, dinamico, innovativo erano presenti: Rupi Kaur, poetessa, scrittrice e illustratrice canadese di origine indiana, che con la sua opera prima di poesia e prosa: “Milk and Honey”, tradotta in venticinque lingue, ha venduto 2,5 milioni di copie in tutto il mondo e ha trascorso più di un anno nella lista dei best seller del New York Times.

Rupi Kaur è considerata una dei più influenti ‘instapoets’ (giovani poeti che pubblicano versi su social media) e le sue tematiche vertono principalmente su problemi sociali e cambiamento; come pure l’ormai conosciutissimo Festival Internazionale di Poesia (FIP) di Medellin (Colombia) alla sua 29esima edizione, che si è tenuto a cavallo tra giugno e luglio scorso e che ha riunito saggisti, scrittori, filosofi poeti ed artisti di 40 nazioni Cina, India, Cile, Brasile Uruguay, Mongolia, Russia, Argentina, Francia, Egitto e tra queste l’Italia, rappresentata nell’edizione 2018 dalla poetessa e archeologa romana Flaminia Cruciani, che abbiamo intervistato telefonicamente per raccontarci delle emozioni ricevute in un contesto mediatico di tale portata.

La Cruciani ci ha parlato dell’energia che si respirava in quel magico luogo: “…un’energia antica, meravigliosa di un popolo che è rimasto ancorato profondamente alla propria energia spirituale profonda e allo spirito magico della madre terra.

È stata un’esperienza indicibile, si vivono emozioni così forti che rimangono impresse a fuoco dentro. II festival lo scorso anno era dedicato allo Sciamanesimo, e ho avuto la fortuna di conoscere sciamani proveniente da tutto il mondo. E un mondo, quello dello sciamanesimo, che io sento molto vicino, per un occidentale è un’esperienza scioccante, appare come una riserva naturale protetta in cui la poesia è assolutamente viva e prolifica; e poi dopo Medellin ho la certezza che è possibile continuare a sognare”.

Articolo precedenteFISCO & IMPRESA Aprire un’attività… Istruzioni per l’uso
Articolo successivoAgropoli, sono state un successo le Notti blu
Saggista e musicologo, è laureato in “Sociologia delle Comunicazioni di Massa”. Tra i suoi libri ricordiamo: Il Canto Nero (Milano, 1982), Trecento anni di jazz (Milano, 1986), Jazz moderno (Milano, 1990), Vesuwiev Jazz (Napoli, 1999), Il popolo del samba (Roma, 2005), Ragtime, Jazz & dintorni (Milano, 2007), prefato da Amiri Baraka, Una storia sociale del jazz (Milano 2014), prefato da Zygmunt Bauman, Saudade Bossa Nova (Firenze, 2017). Per i “Saggi Marsilio” ha pubblicato l’unica Storia del ragtime, in due edizioni (Venezia, 1984 e 1989) edita in Italia e in Europa. Ha scritto monografie: due su Frank Sinatra (Venezia, 1991) e The Voice – Vita e italianità di Frank Sinatra (Roma, 2011), e su Vinicio Capossela (Milano, 1993), Francesco Guccini (Milano, 1993), Louis Armstrong (Napoli, 1997), un paio di questi col contributo amichevole di Renzo Arbore e Gianni Minà. Collabora con la RAI, per la cui struttura radiofonica ha condotto diverse trasmissioni musicali, e per La Storia siamo noi ha contribuito allo special su Louis Armstrong. Tiene periodicamente stage su Civiltà Musicale Afroamericana oltre a collaborare con la Fondazione Treccani per le voci afroamericane. Tra i vari riconoscimenti ha vinto un Premio Nazionale Ministeriale di Giornalismo, ed è risultato tra i finalisti del Premio letterario Calvino per l’inedito. Per la narrativa ha pubblicato un romanzo breve per ragazzi dal titolo Easy Street Story, (Npoli, 2007), la raccolta di racconti È troppo tardi per scappare (Napoli, 2013), il romanzo epistolare Caro Giancarlo – Epistolario mensile per un amico ammazzato, (Terracina, 2014), che gli è valso il Premio ‘Giancarlo Siani’ 2014, e un e-book dal titolo Ballata e morte di un gatto da strada (Amazon, 2015), un romanzo storico sulla figura di Malcolm X, prefato da Claudio Gorlier, con postfazione di Walter Mauro, e supervisionato da Roberto Giammanco. È il direttore artistico del Festival Italiano di Ragtime e il suo sito è www.gildodestefano.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.