Istat, dopo quattro mesi risale l’occupazione

0
65

Stimato un tasso del 57,8%, lo 0,2 in più rispetto al mese precedente. In rialzo anche la disoccupazione che tocca il 9,7%, con quella giovanile che torna sopra il 30%. A luglio, dopo quattro mesi di flessioni consecutive, l’occupazione “torna a crescere”.

L’Istat registra infatti un aumento su base mensile (+0,4% pari a +85mila unità) che coinvolge le donne (+0,8% pari a +80mila), i dipendenti (+0,8% pari a +145mila) e tutte le classi d’età, ad eccezione dei 25-34enni. Gli uomini occupati risultano sostanzialmente stabili, mentre diminuiscono gli indipendenti. Nel complesso, il tasso di occupazione sale al 57,8% (+0,2 punti percentuali). Rispetto a luglio 2019 gli occupati diminuiscono di 556.000 unità  e il tasso di occupazione perde 1,3 punti percentuali.

In rialzo anche il tasso di disoccupazione, al 9,7% (+0,5 punti da giugno, +0,1 punti da luglio 2019). I disoccupati aumentano del 5,8% (+134mila unità) mentre gli inattivi diminuiscono dell’1,6% (-224mila unità) con una contrazione che riguarda uomini, donne e tutte le classi d’età. Il tasso di inattività diminuisce, attestandosi al 35,8% (-0,6 punti).

Il tasso di disoccupazione giovanile torna sopra il 30% per la prima volta da oltre un anno: l’Istat lo attesta al 31,1%, in aumento di 1,5 punti da giugno e di 3,2 punti da luglio 2019. (fonte Confcommercio su dati ISTAT)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.