L’Italia, un Paese che ha tradito i giovani

0
785
foto Gabriele Durante

Dopo quasi una settimana di pioggia, ieri mattina come tanti ho approfittato della bella giornata e delle vacanze natalizie per prendere un po’ di sole in riva al mare. Sorseggiando il caffè mi sono guardato intorno. Il terrazzo del bar, che nei giorni festivi è affollato da giovani famigliole, era sì pieno in ogni ordine di posto, ma le presenze erano del tutto diverse. Con mia sorpresa, nonostante stia precipitosamente scivolando verso il sessantatreesimo compleanno, mi sono sentito un ragazzino circondato com’ero da vegliardi ottantenni d’ambo i sessi, in splendida forma, con abiti griffati, maglioni di cashmere, eleganti giacche in tweed e scarpe di camoscio, intenti a sorbire aperitivi e annessi ricchi stuzzichini.

Confesso che un po’ di invidia l’ho provata. Beati loro, ho pensato, che si godono la giusta pensione, sperando quanto prima di entrare, da vivo e in discreta salute, a far parte anch’io della loro categoria, quella dei pensionati.

Nello stesso tempo, mi sono anche rallegrato per quel che vedevo, ovvero l’immagine di un paese ricco, evoluto, in cui gli anziani vivono bene la loro vecchiaia, anche come stato generale di salute relativamente all’età. Insomma, checché se ne dica, è stato un bel vedere.

Certo, a rifletterci, però, quello visto ieri in riva al mare è un quadro parziale del Paese in cui viviamo. Anzi, più che altro si tratta di un’immagine falsata della realtà italiana.

Tra gli stessi anziani si vivono situazioni di estrema diversità. Stando ai dati Istat, su 16 milioni di pensionati in Italia, 7,2 milioni hanno un assegno sotto i mille euro e il 17% vive con meno di 500 eruo. In altre parole, diversi milioni di pensionati vivono in una situazione di difficoltà economica se non di vera e propria miseria. Altro che aperitivi e stuzzichini in riva al mare.

E se guardiamo alle nuove generazioni, la situazione diventa ancora più drammatica. Disoccupazione, precarietà del lavoro, sfruttamento. Una precarietà che tocca persino non pochi quarantenni e cinquantenni più che qualificati e che vede lo Stato protagonista di forme odiose di moderna schiavitù con contratti a termini prorogati negli anni, addirittura per un decennio e oltre, che forse solo ora troveranno la loro conclusione nel processo di stabilizzazione avviato dall’attuale Governo, dopo che in parte il precedente ha portato a termine lo stesso iter nella scuola, anche se fra non poche polemiche e incidenti di percorso.

Per non parlare poi delle pensioni che le giovani generazioni matureranno per la loro vecchiaia. Da fame, nella maggior parte dei casi.

Insomma, il nostro è un Paese che ha tradito soprattutto i suoi giovani.

In conclusione, c’è poco da stare allegri. Altro che quadretti idilliaci in riva al mare. Questa nostra Italia vive profonde divisioni e soprattutto squilibri, territoriali (Nord-Sud, aree sviluppate-aree depresse), ma anche sociali e purtroppo generazionali.

In questo contesto, tuttavia, quel che più preoccupa è la mancanza di una classe politica all’altezza del ruolo. Non si intravede affatto una proposta politica che guardi al futuro, che delinei una strategia di sviluppo credibile, capace cioè di avviare il graduale superamento dei tanti gap che intaccano i fattori di crescita del nostro Paese.

In altre parole, c’è un gran ciarlare, ma poco o niente si fa, anche solo in termini di semplici ma organiche proposte, per ammodernare e non sfasciare l’attuale organizzazione dello Stato, per promuovere lo sviluppo del Mezzogiorno, per una efficace e incisiva politica della famiglia soprattutto a sostegno delle nascite e a tutela della maternità, per una energica politica volta a favorire l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, per un riequilibrio della spesa pensionistica in particolare per favorire le nuove generazioni, per un riforma del welfare al fine di aumentare la spesa sociale da destinare a famiglia, inclusione sociale, lavoro femminile e formazione… In breve, un Paese più giusto, con maggiore equità, più solidale.

L’anno prossimo, per la precisione fra poco più di due mesi, ci saranno le elezioni per il rinnovo del parlamento. Saremo chiamati ad esprimere un voto per accordare così la fiducia a qualcuno. Ad un leader, a un partito, a un movimento. Non sarà una scelta facile.

Vorremmo però votare per un Paese più giovane, dinamico, vivace, senza per questo voler rottamare qualcuno. Un Paese che punti al futuro, che guardi all’orizzonte e che così non viva più sommerso in una fioca e languida luce crepuscolare di una decadenza intrisa di fiacchezza e sfiducia.

Vorremmo tutto ciò, ma chi potrebbe darci un barlume di speranza è ancora tutto da scoprire.

Buon Anno nuovo. E che lo sia per davvero.

Articolo precedenteCGIA: rispetto al 2007, anno pre-crisi, l’Italia deve ancora recuperare 5,4% della ricchezza perduta
Articolo successivo“Picasso: tra Cubismo e Classicismo 1915-1925”, la mostra romana in corso alle Scuderie del Quirinale
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.