Cava, il sindaco Galdi redivivo come Lazzaro

1
160

Più volte, in questi ultimi tempi, non abbiamo lesinato critiche all’attuale Amministrazione comunale. Sotto diversi aspetti, infatti, ha deluso e in più occasioni ci ha lasciato perplessi. In questa circostanza, però, ci asteniamo volutamente dell’entrare nel merito dell’intervista rilasciata dal sindaco Galdi al nostro giornale.

E’ giusto, in questo momento, lasciare ai lettori la libertà di esprimere senza interferenze le loro valutazioni. D’altro canto, fra qualche mese appena, saranno gli elettori a valutare l’operato del sindaco Galdi, quando quest’ultimo chiederà loro di essere riconfermato.

Ci limiteremo, allora, solo a qualche osservazione, più di contorno che di sostanza.

A leggere l’intervista al sindaco di Cava Marco Galdi, tanto per capirci, colpiscono innanzi tutto la soddisfazione e la  tranquillità. Una serenità senza prosopopea, in verità, come qualcosa di acquisita nel tempo e con sofferenza, ma anche come un dato di fatto incontrovertibile.

Di primo acchito, in ragione delle tribolazioni che hanno caratterizzato il suo mandato,  questo stato di indubbio benessere spirituale che sembra godere il sindaco Galdi può apparire sorprendente. Non lo è, però, se si considera cosa è riuscita, o meglio cosa non è riuscita a fare l’opposizione, in questi ultimi mesi, con la vicenda della mozione di sfiducia. Minacciata, annunciata e poi caduta nel dimenticatoio per manifesta impotenza politica.

A ben vedere, infatti, il sindaco Galdi a ottobre scorso non era solo in bilico come primo cittadino con tutta l’Amministrazione comunale e quel che rimaneva della maggioranza, ma era politicamente morto. Per farla breve, appena tre mesi fa, nessuno avrebbe scommesso un soldo sul suo futuro politico, non solo di quello da sindaco. Poi, ci ha pensato l’opposizione, o meglio, più correttamente, ci hanno pensato le opposizioni, in particolare alcune di esse,  perché non è giusto confondere tra loro le diverse minoranze che la compongono.

I fatti legati alla vicenda della revoca della fiducia sono più che noti e in più di un’occasione, pure troppe in verità, abbiamo avuto modo di tornarci su e approfondirli nei vari aspetti. Meglio, quindi, non dire oltre, anzi, è preferibile stendere un velo pietoso e consegnare il tutto a chi, forse fra qualche decennio, si prenderà la briga di scrivere la storia cittadina di questi anni che stiamo vivendo.

Dicevamo, ci hanno pensato le opposizioni, nelle sue più diverse articolazioni, a resuscitare Marco Galdi, il quale, per demeriti di quanti gli si opponevano o avrebbero dovuto opporsi, ha indossato i panni del redivivo Lazzaro della politica locale.

Insomma, Galdi è politicamente un miracolato e il suo attuale stato di grazie deriva da questa consapevolezza. Certo, Galdi con il sostegno dei suoi,  in particolare di Giovanni Baldi, ha saputo ribaltare con abilità la situazione di estrema debolezza e difficoltà in cui era finito. In altre parole, politicamente ha saputo dare i punti a tutti, miracolo a parte. Tuttavia, al di là dei suoi meriti, bisogna riconoscere che deve, comunque, ringraziare la pochezza politica dei suoi avversari.

In conclusione, in un panorama politico cittadino fatto di macerie e di assai improbabili se non addirittura improponibili leader, Marco Galdi svetta a tal punto da apparire uno statista, anche suo malgrado.

Se così è,  allora sarebbe giocoforza dover affermare che l’esito delle prossime elezioni comunali è irrimediabilmente già segnato da una sua facile vittoria? No, ci mancherebbe. Le campagne elettorali si fanno proprio per cambiare l’ordine degli addendi  e sovvertire situazioni all’apparenza consolidate.

Per ora, però, questo è lo stato dell’arte. Il futuro, invece, riposa sulle ginocchia di Giove. (foto Angelo Tortorella)

Articolo precedenteIl sindaco Marco Galdi: “Se c’è continuità, per Cava ci sarà una nuova «età dell’oro»”
Articolo successivoLa vittoria di Tsipras? Segnale positivo, ma gli italiani temono l’uscita greca dall’euro
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.