Cava de’ Tirreni, conferenza stampa sull’Ospedale: annunciati 7.296.219,25 milioni di euro di finanziamenti

0
30

Si è tenuta ieri mattina, a Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni, la conferenza stampa sull’ospedale Santa Maria Incoronata dell’Olmo, a cui hanno partecipato, il Sindaco Vincenzo Servalli, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi d’Aragona, Vincenzo D’Amato, l’Assessore alle politiche per la tutela della salute, Armando Lamberti, il Direttore Sanitario, dell’Azienda, Anna Borrelli, il presidente della Commissione Sanità del Comune di Cava de’ Tirreni, Paola Landi, presenti anche il Direttore sanitario del presidio ospedaliero cavese, Luciana Catena, con dirigenti e primari del nosocomio cittadino.

“L’Azienda non dimentica, anzi difende il presidio di Cava de’ Tirreni – afferma il Direttore D’Amato – tutto quello che abbiamo presentato è frutto di una programmazione che viene da lontano. Dal suo inserimento nell’Azienda, nel 2010, sono stati assicurati tutti i servizi previsti, con eccellenze che sono punto di riferimento in tutta la regione. Ci sono le difficoltà sul personale, come in tutta Italia e specificamente per il pronto soccorso, che per essere superate devono prevedere una diversa normativa contrattuale oggetto di una riforma a livello nazionale, ma nonostante tutto, dal 2011 ad oggi, c’è stato un incremento complessivo di 40 unità e siamo impegnati alla copertura delle posizioni ancora vacanti di dirigenti medici e sanitari. L’Azienda sostiene pienamente le attività del presidio cavese, e punta a potenziarle e riqualificarle, con investimenti importanti e un crono programma ben preciso; con questi lavori metteremo in piena sicurezza ed efficienza una struttura che, ricordiamolo, risale al XVI secolo”.

Il Plesso cavese è destinatario di 7.296.219,25 milioni di euro di finanziamenti, di cui 816 mila euro di lavori già conclusi, entro l’anno saranno terminati anche i lavori per il nuovo pronto soccorso di 500 mq, la nuova rianimazione, la nuova utic, la nuova tac, adeguamento del blocco operatorio, il riassetto del laboratorio di analisi, oltre a nuove strumentazioni ed attrezzature mediche ad interventi strutturali, anche sulle facciate, e la parte storica del plesso, portone e cappella.

Questa le funzioni principali del Presidio Ospedaliero Santa Maria Incoronata dell’Olmo: Pronto Soccorso con posti tecnici di osservazione breve intensiva che registra annualmente circa 25 mila accessi; Anestesia e Rianimazione con posti letto; Cardiologia con Utic; Medicina Generale, Chirurgia generale e d’urgenza, Ortotraumatologia, Dermatologia, Pediatria, Servizi diagnostici. Eroga anche prestazioni ambulatoriali, di Day Hospital e di ricovero ordinario in elezione e urgenza ed è in collegamento con il DEA di II Livello “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno per la casistica ad alta specializzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.