Cava, carenza di personale alle Poste nel recapito e nella sportelleria

0
214
foto d'archivio
“Sicuramente Cava de’ Tirreni per estensione territoriale, densità abitativa e importanza del proprio tessuto produttivo è tra le città  più  importanti, dopo Salerno, dell’intera provincia”.
E’ con tale affermazione che comincia la nota stampa del Segretario provinciale FAILP/CISAL (Federazione Autonoma Italiana Lavoratori Postelegrafonici), Francesco Grillo, riguardo l’endemica carenza di personale che affligge gli uffici postali in un bacino d’utenza rilevante come quello di Cava.
“Con la propria produzione postale, la cittadina metelliana – continua Grillo nella sua segnalazione – contribuisce sicuramente e ampiamente al raggiungimento del budget aziendale annuale dell’intera Filiale di Salerno. Un tale STATUS imporrebbe un’attenzione particolare dei vertici provinciali e regionali di Poste Italiane nei confronti della “forza lavoro” coinvolta. Pur troppo così non è!”.
A dire di Grillo, dai dati in suo possesso, a dimostrazione di quanto affermato snocciola una serie di numeri sullo stato delle cose negli uffici postali cavesi:
SETTORE RECAPITO
I PORTALETTERE  HANNO DA TEMPO UNA CARENZA DI ALMENO N. 7 UNITÀ  NELL’AMBITO DELLE COSIDDETTE  “LINEE BUSINESS”; tale condizione determina una non-ottimale erogazione delle consegne di corrispondenza e pacchi su tutto il territorio cavese,
perché l’azienda ha deciso di ricorrere, in modo massiccio, all’assunzione di personale precario che, non appena impara una ZONA DI RECAPITO, viene licenziata per cessazione del contratto a tempo determinato. Sovente e conseguentemente i clienti postali di Cava sono costretti ad attivare dei reclami per disservizi riscontrati. All’orizzonte, nel medio termine,  non si vede nessun intervento concreto teso a sanare le carenze!
SETTORE UFFICI POSTALI TRADIZIONALI
La carenza di personale in tale ambito è  notevole:
– Nell’ufficio di Cava centro (doppio turno) si verifica una mancanza di circa N.7 unità (tra lunghe assenze ed esodi/pensionamenti).
– Nell’ufficio di Passiano (da quasi 2 Anni ospitato in un prefabbricato) a breve rimarrà con 1 sola unità  allo sportello, con l’estate alle porte in una pseudo struttura inadeguata.
Quando l’importante frazione riavrà  il  suo nuovo ufficio  con il personale  al completo?
-L’ufficio della Badia  è aperto solo 3 giorni a settimana con 1 dipendente part-time. Quando la popolazione  della Badia potrà avere una sportello postale con organico  appropriato aperto  tutti i giorni?
– Infine l’ufficio di Santa Lucia è carente almeno di 1 unità allo sportello e chiede le stesse  cose fin qui indicate: quando potrà avere un organico adeguato alle proprie dimensioni?
Tutte le carenze indicate, a giudizio della FAILP SALERNO, si traducono spesso in  superlavoro e accumulo di stress per i dipendenti postali coinvolti che, sindacalmente parlando, sono inaccettabili.
Questa la fotografia nuda e cruda, del mondo postale cavese e il disagio silenzioso dei suoi protagonisti che senza sosta, abnegazione e senso del dovere, hanno servito e servono la cittadinanza cavese in piena pandemia.
“Il nostro appello sindacale – conclude Francesco Grillo nella sua denuncia – oltre allo sfogo consegnato alla stampa, si materiallezzerà a brevissimo in una richiesta scritta di incontro urgente con la direttrice di  filiale di poste italiane di Salerno  e coinvolgerà  inevitabilmente anche il  Primo cittadino di Cava de’ Tirreni, Vincenzo servalli, perché  i dipendenti postali in difficoltà in maggioranza sono cittadini cavesi che votano e pagano le tasse a Cava de’Ttirreni. Esiste una dinamica civica, oltre che contrattuale e sindacale, che non va minimamente esclusa dal ragionamento fatto”.
Articolo precedenteLIBRI & LIBRI Cento poesie (più una)
Articolo successivoTre lezioni da Gaza
Diplomata al liceo classico, ha poi continuato gli studi scegliendo la facoltà di Scienze Politiche. Giornalista pubblicista, affascinata da sempre dal mondo della comunicazione, collabora con la rivista Ulisse online sin dalla sua nascita nel 2014, occupandosi principalmente di cronaca politica e cultura. Ideatrice, curatrice e presentatrice di un web magazine per l'emittente web Radio Polo, ha collaborato anche col blog dell'emittente radiofonica. Collabora assiduamente anche con altre testate giornalistiche online. Nel suo carnet di esperienze: addetto stampa per eventi e festival, presentazione di workshop, presentazioni di libri e di serate a tema culturale, moderatrice in incontri politico-culturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.