Cava, fra Gigino for sindaco

1
1546

E’ una domanda che nella città metelliana tutti si stanno ponendo in queste ore: fra Gigino si candida per davvero a sindaco? E’ un interrogativo, questo, che unisce i cavesi. La risposta, invece, ma più ancora i giudizi e  i commenti, di natura politica  o meno, dividono i cittadini metelliani in modo più che comprensibile.

In tutta onestà, sono tra quelli che ritengono molto difficile, sebbene non impossibile, la candidatura di fra Gigino. Una cosa è salire sul pulpito e predicare senza contraddittorio, altra cosa è entrare in politica. Misurarsi con i problemi reali, dare soluzione e risposte alle istanze delle persone, confrontarsi alla pari anche con l’ultimo nella scala sociale e culturale, ma che comunque, in democrazia, ha la stessa dignità di chi si trova in cima. E poi, diciamoci la verità, la politica è dura, faticosa, tremendamente noiosa e, soprattutto per chi è chiamato ad amministrare, assai pericolosa. Ci sono più oneri che onori. E quando ci sono,  gli onori sono effimeri, disagevoli, malfermi. Poggiano sulla sabbia, sull’impegno diuturno, su sofferte rinunce, sulle incertezze e le complicazioni. C’è sempre il rischio che una firma di troppo, ma a volte anche di meno, può portarti ad affrontare i rigori della legge, i sospetti dell’opinione pubblica, le maldicenze degli avversari, le infamie dei detrattori. In conclusione, per entrare e stare in politica ci vuole una particolare predisposizione, una straordinaria passione e, magari, forti interessi da tutelare o precisi obiettivi da perseguire.

Fra Gigino, al quale di sicuro non manca l’intelligenza, forse che non avrà valutato tutto ciò? E’ anche vero, però, che qualche sassolino, anzi, qualche macigno, vorrà pure toglierselo dalle scarpe. Tutto sta a vedere se ha soppesato bene i costi e i benefici di questa sua eventuale entrata in politica.

Detto ciò, da cattolico ma anche da convinto sostenitore della laicità dello Stato, ritengo che mischiare sacro e profano, religione e politica, vangelo e partigianeria, sia semplicemente qualcosa di mostruoso. A questo ragionamento, si potrebbe obiettare che don Luigi Sturzo fu un politico di prim’ordine, fondatore agli inizi del novecento della Democrazia Cristiana di Murri e poi del Partito Popolare Italiano, di cui fu il segretario politico, per poi essere nominato senatore a vita della Repubblica, dopo essere stato nei primi anni del secolo scorso consigliere provinciale a Catania e prosindaco di Caltagirone. Erano però altri tempi, prima di tutto. E soprattutto fra Gigino non è don Luigi Sturzo. Altra pasta, altra storia, innanzi tutto. Altro spessore religioso, culturale, etico e politico, quello del sacerdote siciliano.

Tuttavia, se proprio fra Gigino vuole entrare in politica e confrontarsi democraticamente, è giusto che lo faccia. Anzi, sotto certi aspetti è pure un bene. Il motivo? E’ presto detto: usciremo fuori dall’equivoco. Vediamo una buona volta per tutte di cosa è concretamente capace il frate e valutiamolo per il suo agire politico, per le sue proposte programmatiche, per il suo progetto di città, per le idee che metterà in campo, per la sua leadership, per la squadra che metterà insieme. E non per altro. In altre parole, una volta sceso dal pulpito e candidatosi a sindaco, trattiamolo per quello che vuole essere: ovvero un politico, un aspirante amministratore. Una volta che ci mette la faccia, nel bene e nel male va giudicato con gli stessi parametri con cui valutiamo politicamente Servalli, Murolo e gli altri competitor. Senza sconti, ma anche senza pregiudizi.

Tutto sommato, a pensarci bene, l’eventuale candidatura  di fra Gigino, il quale è un personaggio tanto controverso quanto vulcanico, impetuoso e divisivo, di sicuro renderà più elettrizzante una campagna elettorale che si preannuncia non solo quasi del tutto segnata nel suo esito finale, ma soprattutto molto anonima e compassata tra la “forza tranquilla” di Servalli e lo stile diciamo così anglosassone (pure troppo) dei suoi avversari. Per farla breve, forse davvero vedremo una campagna elettorale con i fuochi artificiali, specialità  in cui fra Gigino ha dimostrato nei fatti di non avere rivali. Insomma, noi giornalisti avremo di che scrivere e non ci annoieremo di sicuro.

E poi, viva la democrazia! Sceglieranno gli elettori chi premiare e a chi affidare il governo di questa città, che riesce ad essere vivace, dinamica e attraente anche a dispetto della sua sonnacchiosa  e modesta classe dirigente. E lo faranno nel segreto della cabina elettorale che, per fortuna, è cosa assai diversa dal confessionale.

Articolo precedenteGrandi manovre, Di Maio incontra Mario Draghi
Articolo successivoCovid-19, i casi in Italia alle ore 18 di ieri
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

1 commento

  1. 19/07/2020 – by Nino Maiorino – Fra Gigino non ha ancora deciso (fonte certa) alcuni amici lo stanno sconsigliando (io compreso). Ma se non lo aiutano a uscire dall’angolo nel quale e’ stato confinato (Comunita’ francescana e Arcidiocesi) c’e il rischio che veramente si candidi, e ne vedremo di belle.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.