Cava de’ Tirreni, Piano di riequilibrio: tutto ricadrà sulle spalle dei cavesi

0
540

Il Consiglio comunale nella seduta di ieri ha approvato come era previsto il Piano di riequilibrio finanziario pluriennale.

Non sono mancate fortissime critiche da parte dell’opposizione. E in effetti molti dei numeri sono aleatori, a partire dall’esigibilità di buona parte dei residui attivi.

Ad ogni modo, buono o cattivo che esso sia, questo Piano di riequilibrio andava fatto. Era un passaggio obbligato. Nella speranza che sia il più possibile aderente alla realtà. E qui qualche dubbio, molto ma molto grande, resta. Sta di fatto che tutto ricadrà sulle spalle dei cavesi. Più tasse, meno servizi e più cari quelli erogati, vendita senza sosta del patrimonio comunale.

Per dirla tutta, la città farà altri passi indietro sia in termini di qualità della vita che di tenuta del tessuto produttivo cittadino. I tagli della spesa ci saranno un po’ ovunque,  soprattutto nel sociale finanziato dal Comune. A pagare saranno soprattutto i più deboli. E giocoforza verranno abbassate e per sempre molte altre saracinesche di negozi. Più di quelle che finora sono state chiuse dalla pandemia.

Questo è quanto la città metelliana dovrà attendersi per i prossimi anni. Chi racconta il contrario dice falsità sapendo di mentire. Non a caso, per i prossimi venti anni, se tutto andrà bene, il nostro Comune per ripianare i debiti dovrà ogni anno mettere da parte i primi 3 milioni di euro circa del suo bilancio. Sottraendoli, ovviamente, al benessere dei cavesi.

Ora, per fine mese, salvo ulteriori proroghe, il Consiglio comunale sarà chiamato ad un altro decisivo appuntamento. Si tratta dell’approvazione del bilancio di previsione, la cui redazione, a quanto pare, è ancora in alto mare.

Se la maggioranza supererà questo ulteriore scoglio, per il sindaco Servalli si potrebbe aprire la prospettiva di continuare a governare la città fino alla scadenza naturale del suo mandato.

Se così sarà, l’auspicio è che il primo cittadino si faccia un bell’esame di coscienza e dia una sterzata decisiva alla sua amministrazione. Mai come adesso è il tempo che cambi passo e uomini. Il governo della città, in un momento così cupo, ha bisogno di energie fresche, ma soprattutto di competenza e capacità. Quello che non ci sono state finora, se non in modo modesto e sporadico. C’è bisogno di gente che abbia idee, professionalità e una visione politico-amministrativa, non di chi tira a campare per pochezza culturale e manifesta inadeguatezza. C’è bisogno di gente di qualità soprattutto per mettere ordine ed a regime una struttura comunale, che fa acqua da tutte le parti.

In conclusione, non è più tempo delle approssimazioni e della superficialità.

Alla città che è sofferente e rassegnata, caro sindaco Servalli, non vanno raccontate più bubbole, ma le vanno ridate speranza ed entusiasmo. Come? Innanzi tutto, cominciando a mettere al governo gli uomini migliori che la città ha. Per una questione di credibilità politica e quale iniezione di fiducia istituzionale.

Se la sente, Sindaco?

In fondo, nonostante tutto, Spes ultima dea. Non è che poi, al momento, ci resti molto altro da poter fare.

Articolo precedenteCava de’ Tirreni, il Consiglio comunale riconosce i debiti fuori bilancio e approva il Piano di riequilibrio finanziario pluriennale
Articolo successivoCAVA DE’ TIRRENI, IL METEO di ULISSE Miglioramento
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.