Lo scampato pericolo del Pd e la sconfitta di Salvini

0
193
foto tratta da Fb

Il governatore uscente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini vince in modo netto e chiaro e salva dalle ambasce il Pd, che risulta essere il primo partito non solo in Emilia-Romagna, ma anche in Calabria, dove però subisce una pesante sconfitta ad opera della forzista Jole Santelli, eletta presidente con venticinque punti di distacco dal candidato del centrosinistra.

In parole povere, il responso delle urne per il Pd si è rivelato essere un bel sospiro di sollievo. La paura di perdere con la Lega in Emilia-Romagna si era trasformato a poco a poco in un incubo. E’ comprensibile, anche se magari può apparire eccessivo avendo comunque perso un’altra regione, l’entusiasmo e la gioia che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Zingaretti e degli altri esponenti del Pd. Non era facile, infatti, fermare la Lega di Salvini e il centrodestra, anche se in una regione tradizionalmente rossa e, tutto sommato, nonostante delle inevitabili criticità, ben governata, sviluppata e all’avanguardia com’è l’Emilia-Romagna.

Entusiasmo legittimo per lo scampato pericolo, che però non deve far dimenticare quelli che restano i punti deboli e le difficoltà del Pd. A cominciare dall’assenza di una leadership forte, in grado di riscaldare gli animi ed indicare nuovi orizzonti, così come dall’incapacità di essere una forza politica rinnovata, centrale e credibile di un’alleanza larga di centrosinistra. In altre parole, dar vita ad un nuovo schieramento riformista e progressista capace di fornire risposte più concrete e meno preconfezionate alle istanze che vengono dal paese, soprattutto da quella parte che con superiorità, a volte anche antropologica, viene chiamata la pancia. E, per finire, dare una prospettiva alle responsabilità dell’attuale governo, il quale finora ha più che altro balbettato e dove la turbolenza ha prevalso sulla concretezza.

Una contentezza, quella del Pd, che non deve fargli sottovalutare il collasso elettorale degli attuali alleati di governo, i cinque stelle, ormai prossimi alla liquidazione, ma anche altri due elementi di non poco conto. Il primo, l’attuale governo poggia su una maggioranza parlamentare che non trova oggi riscontro negli umori elettorali del Paese. Il secondo, il centrodestra è una coalizione sufficientemente coesa che ha un consenso al momento maggioritario. Questo per dire che per il Pd la strada da percorrere è lunga ed in salita, anche ripida.

E veniamo al centrodestra. E’ indubbio che la sconfitta è indigesta soprattutto per Salvini che, forse con una foga smodata, ha puntato troppo in una regione dove, sopravvalutando la sua forza d’urto e le sue capacità di propaganda politica, credeva di avere migliore fortuna. Il risultato è che Salvini ha perso l’alone del capitano invincibile. Uno smacco, dunque, ma niente di più. Chi crede che da questa sconfitta cominci la parabola discendente di Salvini sbaglia di grosso. La Lega resta un osso duro, elettoralmente forte e sempre più radicato e diffuso sul territorio nazionale. E la sua capacità attrattiva dalla sconfitta di ieri risulta appena scalfita. D’altro canto, ha ottenuto nella più rossa delle regioni un consenso che supera il trenta per cento, qualcosa di semplicemente inimmaginabile appena pochissimi anni fa.

Qualche insegnamento Salvini e i suoi da questa sconfitta lo debbono però trarre e cogliere l’occasione per qualche riflessione. In primo luogo, il leader leghista forse dovrebbe riconsiderare la sua strategia, nel senso che dall’estremizzazione della proposta politica ha forse ottenuto il massimo dei consensi, in pratica, un terzo degli italiani sono con lui, ma per crescere deve puntare ad altri bacini elettorali più vicini a quello della destra.

Insomma, se vuole ancora crescere elettoralmente deve puntare a guadagnare il voto dei moderati, che tuttora lo guardano con sospetto se non proprio con il fumo negli occhi. Sì, perché se è vero che in questi ultimi anni il ceto medio si è assottigliato ed impoverito, è altrettanto vero che una buona parte di esso non gradisce, anzi, rifugge da certi eccessi comportamentali di Salvini. In altre parole, non è insensibile del tutto alle sue idee, ma pretende maggior senso delle istituzione, più sobrietà, e soprattutto non apprezza atteggiamenti sopra le righe e più ancora le smargiassate salviniane. In altre parole, porre i moderati nella condizione di votare Salvini senza doversene vergognare.

Per questo, Salvini farebbe bene a smussare gli angoli, abbandonare quegli atteggiamenti volutamente maleducati e trasgressivi oltre che aggressivi, smetterla di proporsi con la faccia cattiva. In breve, imparare ad essere il rappresentante di una destra moderna e civile.

Una riflessione, infine, farebbero bene a farla anche i leghisti locali in vista delle prossime amministrative comunali e regionali. Un bagno di umiltà non guasterebbe, nella consapevolezza che non si è vincenti a prescindere, non basta, insomma, l’onda lunga salviniana, ma che, al contrario, occorre essere credibili non solo con la qualità delle idee, ma anche e soprattutto con quella dei candidati.

Com’è accaduto adesso in Emilia-Romagna, ma anche in Calabria.

Articolo precedenteNapoli, alla Basilica della Pietrasanta in mostra 150 opere di Andy Warhol il re della Pop art
Articolo successivoCava, scade il prossimo 17 febbraio l’adesione alla terza edizione al progetto Promozione, Salute e Benessere
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.