La politica e Incitatus, il cavallo dell’imperatore Caligola

0
227
foto Aldo Fiorillo

La crisi della politica cittadina vista da destra. E’ quello che ha proposto oggi il nostro giornale pubblicando l’intervista ad Antonello Lamberti, un professionista cavese da sempre legato agli ambienti della destra.

Il suo giudizio sull’attuale Amministrazione comunale appare scontato, anzi, sotto certi aspetti, è tutto sommato improntato alla più totale moderazione. In fondo, dire che questa Amministrazione comunale è grigia, “senza una visione reale del futuro, con una gestione dell’ordinario sicuramente non delle migliori”, è un’affermazione che potrebbe essere tranquillamente attribuita alla stragrande maggioranza dei cavesi, a prescindere dalle loro convinzioni politiche.

Molto più interessante, invece, è la chiamata in causa del centrodestra metelliano, al quale l’avvocato Lamberti attribuisce gravissime responsabilità: “nella passata legislatura, è stato letteralmente assente in consiglio comunale, consentendo così la riconferma di un’amministrazione che non ha mai suscitato grandi entusiasmi nell’elettorato cavese”. E il dente duole quando il nostro ricorda che alcuni esponenti del centrodestra si siano candidati con il centrosinistra consentendo la vittoria di Servalli a primo turno alle ultime comunali.

C’è da aggiungere, però, che questi cambi di casacca sono stati anche la testimonianza dell’incapacità politica del centrodestra di tenere insieme la coalizione attorno ad una proposta politico-programmatica unitaria, forte, chiara, credibile. Alla fine, ognuno è andato per la sua strada. D’altronde, non si è mai visto che i topi salgono invece di scappare dalla nave che affonda.

Ad ogni modo, c’è un altro interessante spunto di riflessione suggerito da Antonello Lamberti. E’ quello che riguarda i “meccanismi di formazione del consenso elettorale”, i quali  portano “ad allontanare dall’impegno politico tante persone capaci e competenti”.

Non è solo questo il motivo, in verità, ma il sistema della preferenza unica di sicuro non aiuta l’aggregazione politica, in quanto favorisce l’individualismo e la personalizzazione. Insomma, crea illusioni, con il rischio di far diventare mostri narcisistici chi fa collezione di voti. Al contrario, non aiuta a fare squadra, a far lievitare il senso di gruppo, di appartenenza. E la politica quando perde il contatto con la comunità, con il pluralismo, con la diversità, imbocca percorsi pericolosi.

La vera questione, quindi, non è solo e non è tanto quella degli asini con la bisaccia piena di voti, come mi ricorda Antonello Lamberti, ma soprattutto quando gli asini pieni di voti pretendono di diventare cavalli e magari di essere nominati senatore come lo fu Incitatus, il cavallo dell’imperatore Caligola.

Il problema di fondo, quindi, è come ovviare a tutto ciò in sede locale visto che il sistema della preferenza unica è sancito dalla legge?

Non è facile dare una risposta ad una simile domanda, anzi. La questione però esiste e in qualche modo va affrontata, in particolare da chi è consapevole dei limiti della politica attuale ed è intenzionato a dare un contributo qualitativamente valido alla nostra città.

Articolo precedenteCava, Piano di Zona: consegnati gli attestati del corso di inglese per i beneficiari del reddito di Cittadinanza
Articolo successivoCAVA, IL METEO di ULISSE Spiccata variabilità
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.