La comunicazione digitale al tempo dell’emergenza coronavirus

0
69

Coronavirus e comunicazione istituzionale: l’80% degli italiani chiede alle istituzioni notizie su social network e chat

“L’emergenza Coronavirus ha cambiato radicalmente la nostra vita quotidiana mettendo al centro anche l’utilizzo degli strumenti digitali e le modalità di lavoro smart. Questo è quanto emerge dalla ricerca condotta dall’Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale di PA Social e Istituto Piepoli, secondo cui l’80% degli italiani considera molto utile l’utilizzo di social network e chat per comunicare con le istituzioni e ricevere informazioni e servizi. Quindi le piattaforme social sono arrivate ad una fase di maturità in cui convergono sulla stessa opinione il 75% degli over 54, l’80% tra i 35 e i 54 anni e l’88% tra i 18 e i 34 anni”.

E’ quanto si legge sul sito dell’associazione di comunicatori pubblici PA Social LEGGI QUI .

“L’emergenza -continua l’articolo di PA Sociall- ha messo al centro del dibattito e delle scelte politiche anche lo smart working. Il 60% degli italiani dichiara di lavorare in modalità smart, di questi il 6% lo fa per più di 8 ore al giorno”.

9 italiani su 10 (l’88%) -si legge ancora- pensa che il Covid-19 abbia accelerato il lavoro del nostro Paese sui temi del digitale e che gli strumenti digitali saranno sempre più centrali, sia nel settore pubblico che nel privato”.

“L’emergenza ha acceso un faro enorme sul digitale, sugli strumenti di comunicazione e informazione come social e chat, sulle modalità di lavoro smart – spiega Francesco Di Costanzo, presidente dell’Associazione PA Social – la necessità ha creato attenzione su tante tematiche che, purtroppo, non sempre sono state messe al centro dell’agenda e delle politiche del Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.