Cava, il capogruppo socialista Enzo Passa accusa: “Vogliono farmi fuori dal partito, ma non ci riusciranno”

0
166
Vincenzo Passa (foto Gabriele Durante)

“Ringrazio il segretario Enrico Alfano, ma respingo al mittente la richiesta di ramoscello d’ulivo. Dopo quanto sono venuto a conoscenza penso che non ci siano i margini per un riavvicinamento e una ricomposizione”.

Spirano forti venti di burrasca in casa del Partito Socialista cavese. A parlare in maniera così risoluta è il capogruppo Enzo Passa e il motivo di tanto adirarsi è una mail con la quale è venuto a conoscenza della volontà dei componenti del suo partito di passare la carica di capogruppo al consigliere Enrico Farano.

“Martedì mattina mi sono recato a Palazzo di Città e nei corridoi sono stato fermato e messo al corrente di questa missiva. Sono caduto, come si suol dire, dal pero essendo che tale richiesta era stata fatta a mia totale insaputa. In soldoni, stanno cercando di farmi fuori, ma venderò cara la mia pelle”.

La mail incriminata, oggetto del contendere, è stata inviata al Presidente del Consiglio Lorena Iuliano nella giornata di sabato 6 ottobre, come attestato dal documento, dal consigliere Enrico Farano in concomitanza con l’incontro avvenuto a Palazzo di Città con il sindaco Vincenzo Servalli. Incontro al quale Passa, come aveva dichiarato al nostro giornale nei giorni scorsi, non era stato invitato pur essendo il capogruppo del partito.

Secondo l’art. 16 del regolamento del Consiglio comunale che disciplina il funzionamento dei Gruppi Consiliari – ha fatto sapere il Presidente Iuliano al consigliere Farano – la comunicazione così come è stata formulata, ossia senza l’avallo di Passa, non è valida. Ragion per cui continua a essere considerato Capogruppo del P.s. i. il consigliere Enzo Passa.

“Per tale motivo e per il modo in cui sono state portate avanti le cose a mia insaputa – ha affermato Passa – è impensabile che io accetti la mano tesa dal segretario Alfano. Prima hanno fatto recapitare la mail al Presidente del consiglio e poi mi porgono un gesto distensivo. Dov’è la logica in questo?”.

“Devo pensare– ha concluso Passa – che aveva ragione il buon Pasquale Petrillo quando qualche giorno fa scrisse in un articolo che qualcuno, a cominciare proprio dai socialisti, non ha le physique du rôle…”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.