Non è più il tempo di un sindaco della manutenzione, bensì del cambiamento

0
486

La vicenda della chiusura, quantunque temporanea, del Servizio di Rianimazione del nostro Ospedale infiamma lo scontro politico, ma non sono meno accalorate le polemiche sui social. Di tutto ciò, del resto, abbiamo dato conto in un articolo pubblicato poco fa.

Ad ogni modo, è auspicabile che prevalga il buon senso e  che, in particolare, in tutti i protagonisti della vita politica cittadina prevalga non solo la moderazione ma anche e soprattutto la disponibilità a confrontarsi.

Tra le tante dichiarazioni e prese di posizioni dei politici nostrani, ne estrapoliamo alcune per avviare una riflessione.

La prima è del giovane consigliere comunale e figlio d’arte Italo Cirielli: “Comprendo la necessità di ottenere personale da mandare al Covid Hospital istituito presso il Da Procida a Salerno. Ma non si può creare un problema per risolverne un altro. Un ospedale senza posti in Rianimazione è semplicemente una cattedrale nel deserto”.

Quella di Cirielli è una verità tanto sacrosanta da essere inconfutabile. E’ comprensibile che la maggioranza di centrosinistra si arrampichi sugli specchi per cercare di dire il contrario, ma un ospedale senza rianimazione non è più tale. E sul temporaneo è meglio stendere un velo pietoso: come se poi tutte le altre patologie, non meno gravi del Covid, temporaneamente per incanto scomparissero dall’orizzonte delle preoccupazione dei cavesi.

Meritevole della dovuta attenzione è anche la dichiarazione dell’assessore comunale Giovanni Del Vecchio: “Le rivoluzioni si fanno nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si attua nelle sedi istituzionali, in Consiglio comunale soprattutto su temi come la salute e la sanità cittadina che non hanno e non devono avere colori politici ma richiedono coesione e unità di tutte le forze politiche se si vuole avere un approccio serio e costruttivo. Perché? Perché quando si parla di istituzioni locali, le istituzioni siamo noi, noi tutti, maggioranza e minoranza consiliare, sia pure nelle diversità di posizioni ideologiche e di natura politica”.

Del Vecchio ha ragione e sfonda una porta aperta. Rispetto a talune questioni in particolare, gli amministratori comunali devono confrontarsi e trovare delle soluzioni, quantomeno dare delle accettabili risposte alla cittadinanza. Noi giornalisti e i cittadini sotto i portici o sui social possiamo limitarci alle polemiche e alle contrapposizioni infinite, ma gli amministratori comunali, sia di maggioranza che di opposizione, devono andare oltre. Devono governare la città e, quindi, compiere scelte possibilmente anche condivise, se la gravità di alcune problematiche lo richiedono.

E’ auspicabile, quindi, che il Consiglio comunale sia immediatamente convocato e che la sua prima seduta si tenga nel giro di pochi giorni e comunque nel corso della prossima settimana.

E’ intollerabile, d’altronde, che il nuovo Consiglio comunale non si sia ancora insediato dopo più di quaranta giorni dalla sua elezione. E soprattutto con una questione così spinosa, come questa dell’Ospedale, e in un frangente così delicato, come quello di questa seconda ondata di contagi da coronavirus.

Cosa aspetta il sindaco Servalli? Qual è il motivo di questo incomprensibile ritardo, di questa eccessiva lentezza? Un mistero. Mai come adesso però una cosa è certa: il primo cittadino metelliano è chiamato a prendere la situazione di petto, a mostrare intraprendenza. Guai a mostrarsi timido e titubante. Non è questo il momento della politica del rinvio o degli accomodamenti, bensì delle scelte nette e coraggiose.

In conclusione, mala tempora currunt sed peiora parantur: non c’è più spazio per un sindaco della manutenzione, bensì per uno del cambiamento.

E di ciò Servalli se ne faccia una ragione.

Articolo precedenteL’ARCHRITICO Covid e scuole chiuse… dove sono gli intellettuali?
Articolo successivoCovid-19, i casi in Italia alle ore 18 di ieri
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.