Cava, un ceto politico fragile ed un Sindaco alla finestra

0
383
foto Aldo Fiorillo

L’intervista a Filippo Durante, pubblicata oggi dal nostro giornale, come le precedenti offre molteplici ed interessanti spunti di riflessioni.

Il nostro, almeno all’apparenza, esprime giudizi cauti con toni quasi sommessi. Cionondimeno, con il garbo e la signorilità che lo contraddistinguono, Filippo Durante tratteggia nella sostanza un’immagine poco lusinghiera sia del sindaco Servalli che della classe politica cittadina.

Servalli viene descritto come un uomo alla finestra, il quale “sembra scrutare meditabondo… un campo visivo assai… limitato”. E ancora, ricorda che le ultime vicende, come quelle legale alla campagna vaccinale, “hanno restituito – a torto o a ragione – l’immagine di un Sindaco, per l’appunto, alla finestra, apparentemente dotato di scarsa forza contrattuale e, pertanto, marginale sul proscenio dello scacchiere politico provinciale”.

Quanta finezza in Filippo Durante, ma anche quanta forza espressiva nel dipingere in modo talmente incisivo e veritiero l’immagine del Sindaco alla finestra, qual è appunto Servalli.

Sulla classe politica cittadina Filippo Durante esprime giudizi più che generosi, considerato che non mancano le teste vuote e neanche qualche testa di legno. Salvo poi, però, sostenere che “il ceto politico attuale sia ancora troppo fragile: non adeguatamente preparato, autorevole e smaliziato per tenere testa ai dirigenti, e dunque molto incline a finire imprigionato nella ragnatela della burocrazia”. Una valutazione veritiera e severa, ma anche disarmante.

C’è però un passaggio molto bello sul rapporto tra il potere e i social. Filippo Durante afferma che talvolta registra delle reazioni scomposte da parte di alcuni esponenti del potere politico cittadino “che in alcune occasioni millantano di portare sulle spalle il peso dell’universo e invocano, per questo, totale immunità dal dissenso”.

Ne conosciamo alcuni in particolare, sia che ricoprono l’incarico di assessore sia solo il ruolo di sfegatati supporter. E sembra di vederli in volto quando Filippo Durante denuncia che si rendono protagonisti di “interventi sopra le righe, a volte persino supponenti e rancorosi, che rivelano una pericolosa assuefazione al potere, un’idea proprietaria della funzione pubblica e una proterva insofferenza alle critiche: come se ogni censura costituisse di per sé un’espressione di lesa maestà”.

Ciò detto, la parte più interessante dell’intervista è quella in cui il nostro suggerisce quale deve essere il sentiero per arrivare alla buona politica. Sono suggerimenti utili di cui la classe politica cittadina, sopratutto quella che si vuole preparare al dopo Servalli, dovrebbe far tesoro. A dire il vero, però, ne dubitiamo assai.

Ad ogni modo, senza avere alcuna pretesa pedagogica, Filippo Durante esplicita una sorta di vademecum per la buona politica.

Vogliamo chiudere con una sua asserzione: “Il potere deve essere interpretato come uno strumento per incidere sulla realtà, trasformandola, e per far accadere le cose, senza anteporre a ciò ambizioni individuali”.

L’esatto contrario di quello che assistiamo oggi in città. E oggi di sicuro più di ieri.

Articolo precedenteA colloquio con Filippo Durante: “Servalli mi sembra l’immagine di un Sindaco alla finestra”
Articolo successivoCampania, da giugno sarà possibile vaccinarsi in farmacia
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.