Cava de Tirreni, domani in Consiglio il Piano di riequilibrio fra altri debiti, denunce e mal di pancia

0
524
il presidente del Consiglio comunale di Cava de' Tirreni Adolfo Salsano (foto Aldo Fiorillo)

Il piano di riequilibrio finanziario pluriennale sarà all’esame del Consiglio comunale. A quanto pare è un documento di circa ottanta pagine. Di sicuro non di facile comprensione per i non addetti ai lavori come chi scrive.

L’auspicio è che almeno sia compreso dai consiglieri comunali, che dovranno discuterlo e votarlo. A maggior ragione dai consiglieri di maggioranza, chiamati ad approvarlo.

Un fatto è certo. Il Consiglio comunale dovrà riconoscere anche la legittimità di quasi altri 12 milioni di debiti fuori bilancio. In altre parole, il debito del nostro Comune salirebbe così a ben 70 milioni di euro. Una bella cifra, si fa per dire.

Ogni commento al riguardo, è superfluo. Anche per dei semplici cittadini come noi, con una pressoché totale ignoranza in contabilità pubblica.

A quanto sembra, questi debiti fuori bilancio sono tutti o quasi relativi ad esercizi precedenti, ma che solo ora saltano fuori. Questo vuol dire che negli anni passati, diciamo negli ultimi cinque-sei anni tanto per essere chiari, sono stati occultati nei cassetti. In breve, la polvere nascosta sotto il tappeto.

Anche in questo caso, asteniamoci dal commentare. Altrimenti davvero spareremmo sulla Croce Rossa. O, al contrario, dovremmo chiedere subito un plotone per l’immediata esecuzione dei colpevoli di tanto scempio contabile.

Da altre indiscrezioni, sembra che il nostro Comune vanti residui attivi per circa 85 milioni di euro. In altre parole, se magicamente domattina il Comune riscuotesse tutti i crediti, il bilancio comunale tornerebbe felicemente in attivo.

Peccato, però, che le cose non stiano proprio così. Circa la metà dei crediti sono relativi ad anni precedenti il 2015. Questo vuol dire che molti di essi sono del tutto o comunque difficilmente inesigibili.

Gli 85 milioni di euro di credito vantati dal nostro Comune sono quindi come il miraggio di un’oasi ristoratrice nel deserto.

Queste alcune delle indiscrezioni raccolte. In ogni caso, è scontato che questa procedura di risanamento finanziario ricadrà sulle tasche dei contribuenti cavesi. Per i prossimi venti anni.

Tanto per capirci, i bambini di oggi saranno chiamati a risanare i debiti del Comune per un decennio o quasi.

In un simile contesto, così complesso e delicato, e per certi versi tragico, si inserisce l’esposto dell’avvocato Alfonso Senatore.

Viene prefigurato uno scenario molto torbido. La vicenda dell’approvazione del Piano di riequilibrio è letta e raccontata sotto un aspetto del tutto diverso. E’ lo sviluppo di avvenimenti concatenati. Protagonista e presunta vittima è il dirigente comunale Francesco Sorrentino.

I risvolti sono soprattutto penali.

Non sappiamo se i reati che sembrano emergere dall’esposto siano fondati. Sarà il giudice a decidere. Certo è che sono ipotizzabili a naso reati gravissimi. Dalla corruzione all’estorsione, dalla concussione all’abuso d’ufficio. Ma anche falso ideologico e forse altri ancora.

E’ comunque davvero incomprensibile che un dirigente comunale sottoposto a provvedimento disciplinare sia restato al suo posto. Con il sospetto poi di essere stato infedele su cosa? Proprio sull’eventuale approvazione del bilancio.

Perché allora non sospendere in via cautelare Sorrentino? Perché non trasferirlo in un altro settore, togliendoli la responsabilità contabile?

Queste domande sono più che legittime. Risultano degli evidenti motivi di opportunità. Anche senza necessariamente ipotizzare eventuali disegni criminali. Lo imponevano quantomeno ragioni di trasparenza.

Ad ogni modo, domani il Piano di riequilibrio va in Consiglio. Il clima, per quello che trapela, a Palazzo di Città è molto pesante. Qualche consigliere comunale minaccia di non votare. Qualche altro ha preferito andare o restare in vacanza.

L’impressione, tuttavia, è che il Piano sarà approvato. Non c’è altra strada per la maggioranza che sostiene Servalli.

D’altro canto, per come si sono messe le cose, per i cavesi forse è meglio così. Almeno sapremo di che morte morire e soprattutto, con le nostre tasche, cominceremo a risanare le casse del Comune. Tanto, è già da quasi un anno che ci viene con destrezza alleggerito il portafoglio. Siamo rassegnati al peggio.

Poi, alle prossime elezioni, quando ci saranno, vedremo. Per ora siamo incudine e ci tocca patire.

Articolo precedenteNocera Superiore, avviati lavori di pulizia e restauro presso il Teatro ellenistico-romano
Articolo successivoCAVA DE’ TIRRENI, IL METEO di ULISSE Ancora temporali pomeridiani
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.