Cava, Alfonso Senatore… la transumanza e il relativismo in politica

0
136
foto Gaetano Guida

La transumanza è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità. E’ di questi giorni, infatti, la notizia che questa antica pratica della pastorizia, presente anche nel nostro Paese, consistente nella migrazione stagionale del bestiame, ha avuto un riconoscimento così significativo. Parliamo ovviamente della migrazione stagionale di greggi, mandrie e pastori che, insieme ai loro cani e ai loro cavalli, si spostano dalla pianura alla montagna, e non di altro.

Non ha, infatti, la stessa dignità, anzi non ne ha affatto, quella che viene chiamata in modo dispregiativo transumanza politica, ovvero la pratica, sempre diffusa nel Belpaese ma ancor più in questi ultimi decenni con la fine dei partiti che dominarono la prima repubblica, di passare da una formazione politica all’altra con estrema disinvoltura, i francesi direbbero con nonchalance, se non addirittura da uno schieramento all’altro diametralmente opposto, più precisamente dalla minoranza alla maggioranza con la stessa facilità con cui si respira.

E da inveterato uomo di destra, amante dell’ordine, l’avvocato Alfonso Senatore, di cui ieri abbiamo pubblicato un’intervista sui temi della politica cittadina in vista delle prossime comunali, non ha dubbi. Fra le tante convinzioni esternate, con una moderazione inusitata e per certi versi incredibile, è molto chiara e stimolante quella che riguarda la necessità di mettere al bando i transumanti della politica cittadina, quelli che definisce voltagabbana.

Non ha tutti i torti il nostro, il quale, tra l’altro, è il sostenitore, e non poteva essere diversamente, di una leadership forte, la teoria dell’uomo solo al comando, mitigata dal confronto interno alla maggioranza, visto come sale della democrazia. In questa ottica, si può di sicuro condividere anche se bisogna mettersi d’accordo sulla quantità di sale necessario al confronto, per evitare che sia troppo poco, anzi tanto poco da far diventare del tutto sciapa la democrazia.

Torniamo alla transumanza, che ci stimola ad una riflessione più approfondita sulla qualità e l’essenza della politica dei nostri giorni. E’ vero, la transumanza politica è qualcosa di veramente sconveniente ed eticamente riprovevole, tuttavia bisogna dire che è sempre meglio cambiare casacca, almeno metterci la faccia, piuttosto che stare acquattati per un’intera consiliatura, mistificando, mentendo, nascondendosi dietro silenzi e sotterfugi, arzigogolando con ipocrita speciosità, tramando e trattando nell’attesa di infilarsi al momento opportuno nello schieramento giusto per ritrovarsi nuovamente, e dalla parte vincente, di nuovo in Consiglio comunale. Nel panorama politico cittadino, di questi transumanti più furbetti di altri ce ne sono sempre stati e anche adesso in Consiglio comunale se ne contano almeno un paio.

Detto questo, meglio rassegnarsi e fare i conti con la realtà: la transumanza è ormai una componente stabile dell’attuale stagione della politica. La favorisce lo stesso sistema, privo di veri partiti e di culture ideologiche di riferimento, quanto il calo di tensione morale nell’opinione pubblica così come la fine della distinzione tra destra e sinistra (ma è davvero finita?).

La verità è che il nostro è il tempo del relativismo, perché proprio la politica ne dovrebbe essere immune? La nostra è la stagione della liquidità, perché pretendere che solo la politica dovrebbe essere solida?

Insomma, bisogna rassegnarsi a preparare il presepe con i pastori che ognuno si ritrova. D’altro canto, chi non ha scheletri negli armadi? Allora, anche in politica, meglio dare ascolto a chi ha più saggezza di noi: Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: «Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio», mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio?

In conclusione, tolti i mafiosi, i ladri e gli imbroglioni, nella politica di oggi va bene chiunque, hanno tutti diritto di cittadinanza. E i transumanti, con cristiana generosità, li nobilitiamo facendoli rientrare di diritto nella citazione di James Russell Lowell:  «Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione».

Più relativismo di così… 

Articolo precedenteCava, venerdì prossimo convegno sull’urbanistica organizzato dall’associazione Incontri
Articolo successivoCava, treno in panne al passaggio a livello di Santa Lucia
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.