I sanculotti di Air France

0
213

Hanno fatto il giro del mondo le immagini dei manager dell’Air France costretti a darsi alla fuga a torso nudo per sottrarsi all’ira dei dipendenti. Sia chiaro, la violenza è da condannare in ogni caso e non è certo il modo migliore per risolvere i problemi, anzi, li aggrava. Tuttavia, confessiamo, nel vedere quelle immagini, un sottile e peccaminoso sentimento di compiacimento lo abbiamo provato. D’altro canto, minacciare un taglio di 2.900 posti di lavoro (ma i sindacati temono che alla fine a essere licenziati saranno in 4.900) non è forse un atto di violenza ancora più grave? Forse che quando il management, che anche in Francia percepisce lauti compensi, ha minacciato a cuor leggero un taglio di 300 piloti, 900 hostess e steward e 1.700 effettivi di terra, non ha compiuto un’aggressione ben più grave e malsana di una camicia strappata? La verità è che si è molto bravi nel far quadrare i bilanci delle aziende sulla pelle dei più deboli, mandando sul lastrico con sfrontata indifferenza migliaia di famiglie. Per questo, un istintivo moto di simpatia è andato a questi moderni sanculotti d’Oltralpe. In fondo, la violenza resta sì un male assoluto, ma la pazienza e lo spirito di sopportazione di chi, in generale, è più debole, hanno pure un limite, umano e comprensibile. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteConfartigianato: in dieci anni entrate fiscali (145,2 miliardi euro) cresciute più del Pil
Articolo successivoVietri, oggi sarà presentato il comitato scientifico dell’Accademia Pirpan
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.