Conte 2… e quando Di Maio incontrerà Macron, parlerà delle ragioni dei gilet gialli?

0
122
Il Presidente del Consiglio incaricato Prof. Giuseppe Conte,al termine dell'incontro con il Presidente Sergio Mattarella. (foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

E’ nato, com’era nelle previsioni pur nelle scontate ed inevitabili difficoltà di partorirlo, il nuovo governo presieduto ancora da Giuseppe Conte e formato, questa volta, da cinque stelle e democrat.

Su questo esecutivo giallorosso si è già sentito di tutto. Noi riteniamo, invece, che sia doveroso avere un atteggiamento molto laico, nel senso che non ci pare proprio il caso di lasciarsi andare a toni entusiastici, ma nemmeno bollarlo come la sentina di tutti i mali.

Prima di giudicare, insomma, meglio valutarlo sui fatti.

Certo, le perplessità non mancano, anzi.

Lascia un tantino interdetti, ad esempio, il fatto che il Pd abbia voluto in questo governo uomini e donne che rappresentano le sue seconde file se non le terze addirittura. Fa eccezione il ministro Franceschini che, per fortuna, ritorna al Ministero della Cultura dove tanto aveva fatto bene, innovando in modo intelligente oltre che straordinario, il quale, non a caso, sarà il capo della delegazione governativa del Pd. Ad ogni modo, i ministri vanno valutati per quello che mettono in campo e non certo per la giovane età, il sesso o altro. Motivo per cui, stiamo a vedere prima di esprimere giudizi affrettati.

Molti dubbi, inoltre, emergono dai punti programmatici, i quali sono più che condivisibili, troppo condivisibili, forse perché semplicemente altro non sono che un’elencazione di buoni propositi senza però scendere nei dettagli operativi. Il più generico e approssimativo è quello che riguarda la capitale: “Rendere Roma più attraente”. E’ difficile credere che, messo così, questo punto, come forse molti altri, non lo sottoscriverebbe pure CasaPound.

Questo per dire che la vaghezza del programma è tale che le contraddizioni non tarderanno molto a venir fuori. E le materie del contendere non mancano.

Un altro aspetto che lascia dubbiosi è la tenuta complessiva del Movimento Cinque Stelle. Chi ha leadership? Conte, Di Maio, Grillo, Casaleggio? Un punto non meno controverso concerne la conversione europeista, con tutto ciò che questo sottende, di un movimento finora, almeno fino a pochi mesi fa, antieuropeo, antisistema e dallo spiccato atteggiamento di contestazione e di fiero ribellismo.

In questo, quanto vi è di sincero e quanto di opportunismo? Tanto per capirci, il nuovo ministro degli Esteri Luigi Di Maio quando incontrerà a Parigi il presidente Macron proverà imbarazzo e magari cercherà di trovare qualche giustificazione al suo incontro, accompagnato dal sodale Di Battista, dello scorso febbraio avvenuto a Montargis, un centinaio di chilometri a sud di Parigi, con alcuni esponenti del movimento di protesta dei gilet gialli per dare loro il sostegno pentastellato, o farà finta di niente? O forse cercherà di spiegare a Macron le ragioni del gilet gialli? Mah, chissà.

Qualche preoccupazione viene pure da Bruxelles per i troppi e per certi aspetti tanto comprensibili, per ovvie ragioni, quanto inquietanti, per altrettanto ovvie ragioni, endorsement al nuovo esecutivo. Per farla breve, come non ricordare  i versi di Virgilio nell’Eneide: “Timeo Danaos et dona ferentis”,  ovvero “Temo i greci anche quando portano doni”. E’ quello che afferma Laocoonte rivolgendosi ai Troiani per convincerli a non portare il cavallo di Troia all’interno delle mura della città. Questo per dire che sì, è vero, ora i rapporti tra il nostro Paese e l’Unione Europea tornano ad essere buoni, forse eccellenti. C’è solo da sperare, però, che ciò non porti a scrivere leggi di bilancio dettate dai burocrati di Bruxelles, nell’interesse prima di tutto della finanza, dei mercati, delle banche. Insomma, vero è che la nostra sovranità l’abbiamo, giustamente, ceduta in parte alle istituzioni europee, quel che però ci si augura è che non venga ceduta anche agli interessi di Berlino o di Parigi. L’austerità di Monti, decisa e voluta dall’Unione Europea, a Berlino e Francoforte prima che a Bruxelles, ha lasciato segni e ferite ancora sanguinanti sulla pelle degli italiani. E non bastano le nostre colpe a giustificare l’eccessivo e scellerato rigore finanziario che ha contribuito non poco all’impoverimento della nostra economia. Insomma, speriamo bene. Almeno che la dettatura della legge di bilancio sia un tantino più giusta, benevole ed equilibrata.

Ad ogni modo, un fatto positivo va segnalato: la nascita del nuovo governo è stata salutata in modo più che positivo dai mercati finanziari e dallo spread. Vivaddio, era ora.

L’augurio, come dicevamo prima, è che oltre ai mercati per questo governo alla fine risultino contenti pure gli italiani, che saremmo noi.

Per questo, a prescindere dalle opinioni e dai sentimenti, fino a prova contraria non ci resta che tifare comunque e sempre per il nostro Paese e sperare che questo governo faccia bene. Il più possibile.

Articolo precedenteSalerno, nell’Atrio del Duomo domenica prossima Peppe Servillo e Danilo Rea in “Napoli Jazz”
Articolo successivoNapoli, al Mann la mostra “Capire il cambiamento climatico” per cambiare il nostro futuro
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.