Elezioni politiche 2022… alla ricerca delle ragioni per andare a votare

0
121

Qualche giorno fa un amico lettore mi chiedeva di leggere la mia opinione sulle prossime elezioni politiche. Il solleone, purtroppo, mal si concilia con il lavoro. Peggio ancora con la politica italiana, sempre così contorta e quasi sempre astrusa. Figuriamoci poi in campagna elettorale.

Ad ogni modo, accontento l’amico lettore con una considerazione iniziale: l’attuale legge elettorale per le politiche è tra le peggiori diavolerie che potevano essere inventate. Non è né carne né pesce. E’ solo un modo per mettere insieme diversità politiche a dispetto del buon senso. E qualche volta persino della decenza. Più che per far vincere e governare, questa legge è un invito alle peggiori ammucchiate. In pratica, il modo migliore per non dare una guida stabile e coesa al Paese.

Ciò premesso, stando ai sondaggi, la vittoria elettorale – salvo sorprese, sempre possibili, al termine di una campagna elettorale sotto gli ombrelloni- dovrebbe essere del centrodestra.

Tutto tranquillo, allora? Non proprio. Fratelli d’Italia, guidata dalla Meloni, dovrebbe stravincere e ottenere quasi un quarto dei voti degli italiani. La Meloni dovrebbe così diventare premier. Può piacere o meno, tuttavia, bisogna riconoscere che la Meloni, con il suo partito, ha dato prova di una coerenza politica che altri, anzi, nessuno ha avuto.

Sulla scelta atlantista della Meloni non c’è da dubitare, ne ha dato prove a iosa, pur stando fuori dal governo Draghi, nelle vicende legate alla guerra in Ucraina. Persino sull’Europa la Meloni sembra avere le carte in regola per dialogare e non scontrarsi. In altre parole, la Meloni sembra avere abbastanza intelligenza per scegliere di confrontarsi con la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen piuttosto che affiancarsi pedissequamente al premier ungherese Viktor Orbán. Questa non è una certezza, ma di sicuro una ragionevole speranza.

I timori, però, sia sul rapporto con l’Europa che sulla sincera adesione ai valori dell’atlantismo, nascono quando si guarda agli alleati del centrodestra. Per farla breve, il vero problema è la Lega. Anzi, il leader leghista Salvini. L’amicizia con Putin e il sovranismo sopra le righe di Salvini sono un preoccupante dato di fatto. D’altro canto, in questi anni, il leader leghista ha dato prova di essere un confusionario, un pasticcione e spesso, soprattutto in campagna elettorale, un maldestro intemperante. E non è neanche da escludere che, preso dalla foga elettorale, Salvini possa diventare nelle prossime settimane protagonista di qualche gesto improvvido. Ed elettoralmente dannoso, ovviamente, ma anche politicamente pericoloso.

La vera questione è che di uno come Salvini al governo c’è poco da fidarsi, soprattutto ora che sono in ballo i quattrini del Pnrr e quindi i buoni rapporti con Bruxelles. E rassicura poco la circostanza che la Lega non è solo Salvini, ma è costituita da ottimi amministratori locali, da eccellenti governatori di regione, da ministri competenti e seri com’è il caso su tutti rappresentato da Giancarlo Giorgetti. Sta di fatto che pur combinando non pochi macelli, finora Salvini è restato il padrone incontrastato della Lega.

E Forza Italia? Una volta era la garanzia di una vasta area rappresentata dai moderati. Ora è un’incognita. La perdita dei tre ministri del Governo Draghi, personalità politiche di peso come Carfagna, Gelmini e Brunetta, non sono politicamente una cosa da poco. L’impressione è che quello azzurro sia un partito ormai svuotato, guidato da un leader anziano che non sempre appare lucido.

E il centrosinistra? Peggio che andar di notte. Ad oggi è ancora un cantiere aperto. Si sta cercando, nella logica dell’attuale legge elettorale, di mettere insieme quante più forze politiche possibili, anche le più modeste. Per ora, siamo solo al cospetto di un’ammucchiata abbastanza rissosa. C’è però ancora del tempo a disposizione.

Quel che emerge a sinistra, tuttavia, ancora una volta è  l’impostazione di una campagna elettorale contro qualcosa. Una volta erano Berlusconi, il suo danaro e le sue imprese, ora sono la Meloni e il ritorno del fascismo. Di sicuro se il centrosinistra impostasse la campagna elettorale per qualcosa e non unicamente contro qualcuno e/o qualcosa, di sicuro intercetterebbe più consensi elettorali.

Ultima considerazione. Con questa legge elettorale è praticamente impossibile o quasi la nascita di un centro moderato. In questa competizione elettorale, salvo ripensamenti dell’ultima ora, l’unica forza politica che continua o è costretta a portare avanti questa opzione è l’Italia Viva di Renzi. Ed è tutto da vedere, però, se riuscirà ad ottenere i voti necessari per superare la soglia di sbarramento del 3% e ad avere dei rappresentanti nel prossimo Parlamento.

In conclusione, chi ha già deciso come votare è un fortunato. Per il restante elettorato, tra indecisi e probabili astenuti, non sarà del tutto semplice orientarsi in questa consultazione.

L’importante è andare a votare, ma riesce difficile biasimare, quantunque non condivisibile, la scelta di chi rinuncerà a dire la sua, preferendo fare altro, domenica 25 settembre, piuttosto che andare a votare.

Per questi motivi, per quanto possibile ci impegneremo nel ricercare le ragioni per andare a votare. A prescindere da chi poi ognuno andrà realmente a votare.

Articolo precedenteAgropoli, il 9 agosto la rappresentazione storica della visita di Alfonso D’Aragona
Articolo successivoCava de’ Tirreni, nuova asta pubblica per vendere l’ex Cofima: è la settima
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.