Cava, una donna a presidente del Consiglio comunale

0
130

Tra una settimana, ad oltre un mese dalla elezione del nuovo sindaco, avremo la prima seduta del Consiglio comunale. C’è voluto un po’, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. Non vorremo essere frettolosi nei giudizi, ma avvertiamo la forte sensazione che questa nuova consiliatura sembra essere nata già con un suo preciso tratto distintivo: procedere con il si bemolle. Non è proprio quello che i cavesi si aspettano, ma ci conforta la circostanza che la nostra potrebbe rivelarsi un’impressione del tutto sbagliata, la quale, ci auguriamo, sarà smentita dai fatti.

Detto ciò, con l’insediamento di quello che, impropriamente,  chiamiamo con una certa enfasi il nuovo parlamentino cittadino, avremo l’elezione del presidente del Consiglio comunale, una figura, ad onor del vero, che in molti ritengono del tutto inutile e decorativa. In parte, ciò è anche vero, tuttavia, il ruolo esiste e il presidente, soprattutto sotto certi aspetti, esercita poteri che alla fine possono incidere anche in modo rilevante e significativo sulla vita istituzionale e l’attività amministrativa.

In queste ultime settimane, non avendo di meglio, ci si è trastullato sul nome del nuovo presidente del Consiglio. La scelta, a quanto pare, ancora non è avvenuta in modo definitivo, ma, stando a quello che si è letto, ma anche all’inciucio dei portici, si fa il nome di Armando Lamberti, già candidato a sindaco e attualmente consigliere comunale.

Quella di Lamberti è indubbiamente una candidatura autorevole, trattandosi di un docente universitario e di una personalità politica di un certo spessore culturale. C’è da chiedersi, proprio per questo, ma davvero il professor Lamberti ambisce ad avere quello che potrebbe essere visto come un contentino, un premio di consolazione per la mancata elezione a sindaco? E ancora, ma il professor Lamberti, per la sua recente storia politica fuori dalla logica dei partiti e degli schieramenti, non sarebbe più utile alla città nel ruolo di consigliere comunale, quale pungolo dell’Amministrazione e garante del buon governo, piuttosto che non nella veste di presidente del Consiglio comunale, ruolo indubbiamente prestigioso ma che potrebbe rivelarsi, per come si è fatto conoscere il nostro, una insopportabile camicia di forza?

Non a caso, d’altronde, c’è chi attribuisce al sindaco Servalli l’idea di portare Lamberti alla presidenza del Consiglio. Sarà, ma riesce difficile capirne le motivazioni politiche. Il presidente del Consiglio comunale, per quanto garante dell’intero consesso, non può che essere organico alla maggioranza. Questo, per un insieme di motivi, ma soprattutto non fosse altro per evitare che una personalità forte nel ruolo di presidente, alla fine si trasformi nel contraltare del sindaco.

D’altro canto, però, non appaiono affatto verosimili alcune estrose narrazioni sentite in questi giorni. Tanto per essere chiari non è credibile,  per quel po’ che si conosce dei due, che Servalli voglia Lamberti presidente del Consiglio per saldare un debito elettorale, in altre parole, il sostegno, peraltro possibile, ricevuto al ballottaggio. La cosa non sta in piedi, per il semplice fatto che qualora ci fosse stato un simile accordo sarebbe avvenuto alla luce del sole, anzi, ampiamente pubblicizzato con conferenze stampe, manifesti e comizi.

E allora? Non sappiamo cosa frulla nella testa dei consiglieri comunali di maggioranza in merito alla scelta del nuovo presidente del Consiglio. La logica politica consiglierebbe di scegliere nelle fila della maggioranza, soprattutto del Pd che, almeno per ora, nonostante un gruppo consiliare  che rappresenta oltre un terzo del consesso comunale, ha avuto appena un vice-sindaco.  E’ questo, in prospettiva, un pericoloso gap politico, che non potrà mai essere bilanciato dalle nomine nel sottogoverno o nello staff del sindaco. Si tratta, infatti, di due componenti diverse e non assimilabili, allo stesso modo con cui non possono essere sommati i pomodori ai peperoni.

Per la scelta del nuovo presidente del Consiglio, allora, forse questa maggioranza dovrà continuare nel segno del rinnovamento operando una scelta di rottura rispetto al passato. Perché, allora, non pensare ad una giovane donna? Sarebbe una ventata di novità e l’ulteriore tassello per dare vita ad una nuova stagione politica per la città.

D’altra parte, riprendendo uno degli slogan dell’ultima campagna elettorale, se non ora, quando? (foto Angelo Tortorella)

Articolo precedenteVietri, dopo la “Serata Cetarese” mercoledì prossimo continua la Rassegna “I mercoledì con Gusto”
Articolo successivoAll’Unione Europa diamo molto, ma contiamo poco
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.