Tramonti, boom di richieste per il micronido comunale

0
319

A Tramonti, come in molti altri comuni soprattutto del Sud Italia, la famiglia rappresenta ancora il “surrogatore” di un welfare state che poco funziona. Per tale ragione, l’Amministrazione comunale ha fortemente voluto l’istituzione del micronido, proprio per facilitare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle madri occupate. Ciò è stato possibile grazie alla progettualità finanziata con fondi Pac dal Piano sociale di zona Ambito S2 Cava – Costiera Amalfitana.

Nei primi mesi di apertura le iscrizioni, come spesso accade nei piccoli borghi, sono state contenute, così come i bambini frequentanti fino al mese di agosto 2018; con l’inizio del nuovo anno educativo, riscontrata la qualità e l’affidabilità del servizio, alcuni genitori hanno letteralmente “rincorso” il posto al micronido comunale. A meno di un anno dall’apertura, ad ottobre 2018, è stato raggiunto il tetto massimo di capienza, pari a 15 unità. La cooperativa Gea che sta gestendo il servizio con professionalità ed efficienza, si è trovata a rispondere a numerose nuove richieste di iscrizione.

L’Amministrazione, pertanto, si è sentita in dovere di rendere noto che sono state presentate presso gli uffici comunali altre richieste di inserimento e si prevede un ulteriore incremento a cavallo del nuovo anno. In un contesto a forte vocazione turistica, infatti,  un servizio come quello del micronido potrebbe concretamente fornire un supporto alle madri occupate, oltre che garantire un’opportunità educativa che favorisca lo sviluppo armonico dei bambini, contribuendo a realizzare il loro diritto all’educazione.

Considerata l’ampiezza della struttura, l’Amministrazione, nella persona del sindaco Antonio Giordano, auspica un ampliamento del numero dei posti, da affrontare nel prossimo coordinamento convocato dal Comune capofila Cava de’ Tirreni. Tutto in mano al Piano di zona, quindi, che sta già lavorando per poter garantire un servizio aderente all’aumento dell’utenza.

“Sapevamo che un investimento del genere avrebbe dato i suoi frutti – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione Vincenzo Savino Una politica lungimirante si vede anche per il successo che ottiene a distanza di tempo e stiamo dimostrando, con il micro nido, che le scelte ponderate per il bene dei cittadini fruttano vantaggi per tutti. Speriamo di poter ottenere un aumento dei posti così da andare incontro alle esigenze delle numerose famiglie richiedenti della Costiera Amalfitana che hanno apprezzato la qualità di questi servizi. Siamo fiduciosi e continueremo a sostenere il nostro territorio, a partire dalla crescita dei nostri amati bambini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.