Salerno, Premio Sichelgaita 2015

0
163

Tre donne salernitane che nella loro categoria rappresentano le eccellenze di Salerno hanno vinto la XI Edizione del” Premio Sichelgaita”, il prestigioso premio internazionale che gode dell’Alto Patrocinio della Camera dei Deputati, del Senato e della Presidenza della Repubblica, assegnato ogni anno dal  Lions Club Salerno Principessa Sichelgaita: “Ha  lo scopo di promuovere le belle intelligenze al femminile del nostro territorio e premiare le  donne salernitane che si sono distinte e sono diventate punto di riferimento, nella loro categoria, a livello nazionale ed internazionale”, ha spiegato la Presidente  del Club Lions Sichelgaita, Emma Ferrante Milanese, ideatrice e curatrice  del Premio, nato nel 2003,  che ha ricordato il grande impegno profuso da tutte le componenti del comitato: ” Rita Mazza Laurenzi, Giuliana Contarini ParrilliAnnamaria Lurgi Marino, e Mabel Fontana Napolitano e la nostra socia Dora Cuccurulo Vuolo per aver offerto i fiori che hanno ingentilito l’evento”.

Nell’incantevole e suggestivo scenario del Castello di Arechi, è stata premiata per la letteratura, con la medaglia della Presidenza della Camera, consegnata dall’Onorevole Guido Milanese,    la giornalista professionista  Piera Carlomagno, autrice di numerosi romanzi gialli di successo con i quali ha vinto innumerevoli premi: “L’ultimo è stato vinto con il suo libro “La Corte Nera”con il quale  è stata premiata pochi giorni fa a Lanciano” ha spiegato la dottoressa Ferrante che ha presentato la serata.

Per la scienza,  è stata premiata  l’oceanografa Olga Mangoni, nata a Salerno,  ricercatore di Ecologia all’Università di Napoli Federico II, che ha partecipato a numerosi progetti di ricerca nazionali ed internazionali, e vinto numerosi premi nel campo della ricerca. E’ stata anche nel Mar del Nord e nove volte  in Antartide dove ha svolto ricerche sulla dinamica del plancton nelle acque antartiche. A premiarla  è stato il Senatore Alfonso Andria che segue il Premio sin dalla sua nascita: “Un premio che  evidenzia l’impegno femminile nella società. Una iniziativa consolidata nel panorama culturale salernitano”. Premiata  con la medaglia del Presidente della Repubblica che le è stata consegnata dalla Senatrice  Anna Maria Carloni, madrina  della manifestazione, è stata  l’attrice Beatrice Fazi, famosa per aver partecipato  a “Macao”, la trasmissione musicale di Gianni Boncompagni, e a due  fiction di successo:”Un Medico in Famiglia”, con Lino Banfi,  e “Il Restauratore”, con Lando Buzzanca. In attesa  di Maddalena, sua quarta figlia, la Fazi, nata a Salerno dove a vissuto fino a 18 anni, sta lavorando alla stesura di un libro.

L’ingegner Roberto Scerbo,  Past President del Consiglio Direttivo, ha consegnato la “Menzione Speciale ” con la  medaglia “Principessa Sichelgaita ” alla nota pittrice  salernitana   Laura Bruno,  conosciuta in Italia e all’estero dove ha esposto le sue opere. Appena tornata dalla Sicilia dove ha vinto il primo premio internazionale “Mazzullo Art Taormina”, premiata da Vittorio Sgarbi.  L’artista salernitana ha dedicato il premio al suo amico scomparso, Paolo Morelli, cantante degli “Alunni del Sole”  La  Targa  alla Memoria, consegnata dal Senatore Leonzio Borea,  al pronipote, l’avvocato Carlo Bosco,  è stata  assegnata alla pittrice Flaminia Bosco Fonseca Y Pimentel, nata a Buccino,  una delle maggiori pittrici dell’800,  figlia del noto medico e  patriota Pasquale Bosco, che sposò il Marchese Emilio Fonseca Pimentel di Firenze, parente di Eleonora Pimentel, della Rivoluzione Napoletana del 1799. Morì a Salerno nel 1943. L’avvocato Bosco ha esposto alcune opere della prozia tra le quali il bellissimo quadro “Cesto d’uva” esposto alla Esposizione Universale di Parigi del 1900 e che oggi ha un notevole valore. Con impeccabile eleganza, Emma Ferrante, ha presentato tutti i protagonisti della meravigliosa serata tra i quali il  Vice Governatore del Distretto 108YA dei Lions, il dottor  Francesco Capobianco che ha consegnato la medaglia “Principessa Sichelgaita” all’Onorevole Carloni.

La colonna sonora della serata è stata affidata a circa venti giovani musicisti della scuola media musicale “Nicola Monterisi” che diretti dalle professoresse  Anna Ragone  e Rosa Alfinito, hanno eseguito alcune colonne sonore e l’Aria sulla Quarta Corda di Bach. A loro sono state consegnate due  targhe consegnate dal dottor Costantino Lauria e dalla  Presidente di Zona dei Lions , la dottoressa Anna Maria Cascone.   Ad incantare il numeroso pubblico sono stati anche  il cantante Ugo Fera , il sassofonista Peppe Plaitano e il pianista Gianpio Vetromile, che hanno eseguito    alcuni brani jazz e ricevuto due targhe dal alcuni soci del Lions Club di Firenze. e una medaglia dal Generale Giovanni Napolitano, Cavaliere di Gran Croce dei Cavalieri del Santo  Sepolcro.

Presente il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, che ha apprezzato l’organizzazione del premio: “Un premio importante, prestigioso e serio che esalta i valori del Lions,  dove l’ universo femminile  prorompe sul proscenio in modo autorevole. Le donne reggono la metà del cielo e  qui, questa sera  reggono sicuramente più della metà”. Il cabarettista Angelo Di Gennaro, ha divertito tutti  con le sue esilaranti  gag cogliendo con ironia gli umori del pubblico e recitato una sua poesia dedicata a Massimo Troisi.

La dottoressa Ferrante ha ringraziato i numerosi e illustri  partecipanti alla manifestazione tra i quali vi erano Giuseppe Acocella, Antonio Lubritto, Susy Camera D’ Aflitto,  Paky Memoli,  il dottor Fernando De Angelis, l’avvocato Leonardo Gallo, gli scrittori Antonio Corbisiero e Massimiliano Amato,   l’attrice Margi Villa Del Priore, la concertista di organo Claudia Termini, la pittrice Concetta Carleo e il titolare della società di gestione  “Castello di Arechi”, Marco De Simone, che ha supervisionato l’organizzazione del ricchissimo buffet organizzato sul belvedere del Castello di Arechi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.