Ravello, al Festival arriva Dada Masilo e la sua Giselle

0
48
foto di Stella Olivier

L’arte per raccontare il presente. Con l’arrivo di Dada Masilo a Ravello, il Festival 2018 giunge al cuore dello spettatore offrendo, con la Giselle della coreografa sudafricana, un racconto poetico ma impietoso dell’autodeterminazione femminile.

Masilo fa danzare una “Giselle” molto originale reinterpretando la tradizione del balletto classico con l’ispirazione che nasce dalla fierezza delle sue radici ma anche con le consapevolezze acquisite delle donne del XXI secolo, guerriere all’assalto delle loro passioni, indomiti e ribelli nel rifiuto di subire il dolore dell’abbandono. L’appuntamento è per venerdì 13 luglio (ore 21.30), sul palco del Belvedere di Villa Rufolo.

Il balletto classico Giselle racconta di una giovane contadina che muore di crepacuore dopo aver scoperto che il suo amato è promesso a un’altra donna. Le Villi, spiriti femminili che costringono gli uomini a danzare fino alla morte, portano Giselle fuori dalla sua tomba con l’intento di uccidere il suo amato, ma l’amore di Giselle lo salverà.

Nella rivisitazione di Dada Masilo, contaminata dallo spirito dell’afrodanza, non c’è spazio per il perdono, gli spiriti antenati (le Villi) invitano Giselle ad unirsi a loro perché il rito si compia: è solo con la vendetta che il dolore si acquieta e la libertà si riconquista, in una visione che, a ben vedere, non è molto lontana dall’éxodos tragico della tradizione classica occidentale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.