Centro antiviolenza Costiera, a Vietri e Cetara un flash mob degli studenti

0
159

Il Piano di Zona Ambito S2, informa che nell’ambito del progetto “Muoviti, muoviti contro la violenza” di sensibilizzazione alla non violenza ed alla parità di genere, promosso attraverso il Centro antiviolenza presente in Costiera amalfitana, il 17 maggio si realizzeranno i flash mob di Cetara alle ore 11,30 e Vietri sul Mare alle ore 12,30, nelle rispettive piazze centrali, coordinati dalla prof.ssa di scienze motorie, Liana Magaldi.

Il progetto coinvolge gli istituti secondari di primo grado della Costiera amalfitana ed in particolare vi partecipano le terze classi.

Nel progetto partecipano le scuole superiori di Vietri sul Mare, Cetara, Maiori, Minori, Tramonti, Positano e Praiano, che in chiusura prevede la rappresentazione della coreografia in un flash mob in una piazza di ciascuno dei comuni dove hanno sede gli istituti scolastici.

Articolo precedenteReggia di Caserta, Tiziana Maffei è il nuovo direttore
Articolo successivoTramonti, Vincenzo Savino è il presidente della neo Associazione Pizza Tramonti
Sono un giornalista e mi occupo di comunicazione pubblica in un Piano sociale di Zona. Amo leggere, sono appassionata del mare e nei miei consumi culturali ci sono il cinema, la musica e i beni artistici. Sono il presidente dell’Associazione Comunicazione&Territorio che pubblica Ulisse on line e organizza da undici edizioni la rassegna letteraria Premio Com&Te, che rappresenta, tra l'altro, un momento di confronto tra giovani studenti e scrittori del panorama letterario italiano. Ho collaborato per molti anni con testate giornalistiche a diffusione locale e regionale, quali Confronto, l’Opinione, il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, e curato uffici stampa ed attività di comunicazione pubblica ed istituzionale presso comuni, aziende pubbliche ed il Conservatorio statale Martucci di Salerno. Ho insegnato teoria e tecnica della comunicazione presso alcuni istituti superiori della provincia di Salerno. Seguo con grande attenzione le evoluzioni della comunicazione pubblica in Italia ed in particolare il gruppo dell’Associazione #PASocial. Credo che la Pubblica amministrazione debba stare là dove sta il cittadino e quindi anche utilizzare, con la dovuta accortezza, i canali social.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.