Cava de’ Tirreni, Ospedale di Comunità e sanità territoriale: abbiamo subito un altro scippo

1
894

All’indomani della riuscita manifestazione dei Comitati Uniti a difesa della sanità cavese, in particolare dell’Ospedale, ho ricevuto un messaggio che ha stoppato l’entusiasmo del momento.

Un professionista del settore mi chiedeva come potevamo farci nuovamente gabbare. Per poi evidenziare come la nostra città fosse finita ancora una volta nel dimenticatoio. A riprova di ciò mi inviava l’elenco dei comuni della nostra provincia in cui, grazie ai finanziamenti del PNRR, la regione Campania aveva previsto i presidi di sanità territoriale, in particolare gli Ospedali di Comunità.

Cava de’ Tirreni, in questo riparto, ha così subito l’ennesima mortificazione. Sarà sede solo di una Casa di Comunità, una struttura prevista ogni 40 mila abitanti. In pratica, nella nostra città è stato previsto quello che non potevano negarci visto che siamo più di 50 mila abitanti.

Salta subito agli occhi che, invece, l’Ospedale di Comunità è previsto in una realtà a noi vicina, Castel San Giorgio, che conta appena 14 mila abitanti. Sarà sede, altresì, di una Casa di Comunità e di un Cot (Centrale operativa territoriale). E di sicuro Castel San Giorgio avrà anche qualche santo protettore in più nel Pd salernitano e nella corte del governatore De Luca.

Ad ogni modo, per tentare di capire meglio, la Casa di Comunità è la nuova struttura di base della medicina territoriale, in pratica, il luogo fisico dove il cittadino-paziente entra in contatto la sanità pubblica.

L’Ospedale di Comunità, invece, è una struttura sanitaria “di ricovero di cure intermedie” destinata a  “ricoveri brevi per pazienti che hanno bisogno di interventi sanitari a bassa intensità clinica”.

E’ bene precisare che l’Ospedale di Comunità non è una duplicazione delle strutture sanitarie esistenti. Infatti, per le condizioni acute (ad esempio, un infarto) vi è l’ospedale, per le condizioni non acute, ma con richieste assistenziali non importanti c’è l’assistenza domiciliare. Infine, per le condizioni non acute e con richieste assistenziali non importanti, ma che non possono essere svolte a domicilio (ad esempio, patologie croniche riacutizzate con necessità di monitoraggio o per pazienti dimessi da reparti ospedalieri specialistici che necessitano di controllo sanitario) vi è appunto l’Ospedale di Comunità.

Da qui si evince con estrema chiarezza che la città metelliana ha subito l’ennesimo scippo. In pratica, in futuro potrà avvenire, ammesso che il nostro ospedale funzioni per bene e per davvero, che dopo un intervento chirurgico si può essere dimessi a Cava e finire poi nell’Ospedale di Comunità di Castel San Giorno per una degenza con controllo sanitario.

Per dirla tutta, l’appello di Rifondazione Comunista di qualche mese fa (l’ultimo di una lunga serie, in verità) al sindaco Servalli leggi qui, per avere nella nostra città l’Ospedale di Comunità e il Cot (il Centro operativo territoriale per la rete di telemedicina), è caduto nel vuoto.

Non abbiamo avuto nulla. Assolutamente nulla. Ignorati in tutto e per tutto.

In concreto, la medicina territoriale nella nostra città fa un passo indietro, e pure di parecchio.

In conclusione, abbiamo perso come città un’altra occasione. E che occasione. Chi dobbiamo ringraziare? De Luca innanzi tutto, e il Pd ovviamente, ma anche Servalli che, pur essendo il primo cittadino della città più popolosa della provincia dopo il capoluogo, non contava niente prima nella geografia politica provinciale, e meno conta adesso dopo aver lasciato il Pd.

Questo è.

Motivo in più per sostenere la lotta dei Comitati Uniti e delle opposizioni nel tentativo di avere almeno una struttura ospedaliera universitaria funzionante ed accettabile. Allo stesso tempo, sostenere Rifondazione Comunista nella richiesta di avere nella nostra città la Casa del Parto.

Al momento, altro non possiamo fare, se non leccarci le ferite e ricordare i bei tempi andati.

In prospettiva poi, partendo proprio dalla sanità, lavorare per salvare la città dalle sciagure di oggi. Ciò non sarà affatto cosa facile, ma tentare è un dovere civico ed un imperativo categorico.

 

P.S.: A proposito, Rifondazione Comunista, che nella nostra città fa parte della maggioranza, dopo questo smacco di politica sanitaria, quand’è che lascerà al suo destino questa Amministrazione comunale e l’alleanza con il Pd deluchiano?

Articolo precedenteLa guerra in Ucraina e il pacifismo peloso
Articolo successivoCava de’ Tirreni, lavori a via Troisi: il cantiere è un pericolo per l’incolumità dei passanti
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.