Cava, appello dei cittadini di Pregiato: “Servalli, prestaci un vigile!”

0
857

“Servalli, prestaci un vigile!”. e’ l’accorata richiesta che gli abitanti della frazione di Pregiato fanno al Primo cittadino metelliano per risolvere la questione del parcheggio selvaggio.

La richiesta è giunta alla redazione del nostro giornale da parte di alcuni abitanti della zona che chiedono maggiori controlli da parte degli organi preposti e rispetto delle regole del civile parcheggio da parte degli automobilisti. Il tratto di strada sotto accusa è quello prospiciente la rotonda sulla salita del ponte di Pregiato, nella zona comunemente conosciuta come rione S. Nicola,  che fa da spartitraffico per le auto che provengono, o si dirigono, a via Luigi Ferrara, via De Filippis e via Aniello Salsano.

Nella foto inviata dal lettore si vede un’auto parcheggiata sulle strisce pedonali, in barba al codice stradale, ed altre auto pure parcheggiate sul ciglio della strada dove non è lecito parcheggiare essendo in prossimità di un incrocio.

Poco tempo fa, proprio in quel punto, un’anziana donna è stata travolta da un furgoncino che le ha cagionato la perforazione di un polmone. Gli abitanti del vicinato ci spiegarono che era un incidente annunciato, dato che le auto parcheggiano sempre in zona vietata e i pedoni sono costretti ad “allungarsi” per controllare la circolazione e attraversare. “Quando facciamo notare il problema – per circa una quindicina di giorni arrivano le auto della Polizia Locale a monitorare la zona, ma appena vanno via tutto torna esattamente come prima”, ci ha spiegato una pregiatese.

Accogliamo la sua richiesta e ce ne facciamo portavoce con gli organi di competenza, memori del fatto che l’unico padrone del giornalista è il lettore, sicuri che l’istanza verrà accolta dal sindaco Servalli e dagli organi preposti. Non è che poi ci vuole molto. Un po’ di controllo in più e di volta in volta qualche esemplare sanzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.