Comune di Cava, il disastro finanziario dei bravi ragazzi

0
910
foto Aldo Fiorillo

A leggere i quotidiani stamattina, quelle che erano delle possibili preoccupazioni sono diventate timori certi. Nella giornata di ieri, infatti, avevamo scritto sulle voci poco rassicuranti sulla tenuta finanziaria del nostro Comune. Oggi, leggiamo che davvero le casse comunali sono ridotte alla canna del gas.

I titoli dei giornali, in particolare quelli de La Città clicca qui, sono da brividi: “Allarme predissesto, la paura fa 7 milioni”. E ancora: “Una voragine nelle entrate tributarie dell’ultimo anno: il Comune spinge sulla riscossione ma rischia il default”.

Leggendo l’articolo si apprende, infatti, che “sulla casa comunale incombe lo spauracchio del predissesto ma l’Amministrazione di Vincenzo Servalli corre ai ripari e preme sulla riscossione e sulle alienazioni, svendendo i propri averi nella speranza di poter riequilibrare i conti in tempo utile”.

Insomma, un quadro a tinte fosche. Di gran lunga peggiore di quanto appena ieri paventavamo.

A rendere tutto più angosciante è la dichiarazione dell’assessore al bilancio Antonella Garofalo. “Nel corso del 2020 -afferma- abbiamo avuti tributi in meno incamerati dal Comune per circa 7 milioni di euro”.

Possibile? Vuol dire che nell’ultimo anno sono così tanti i cavesi che non hanno versato quanto dovuto? I 7 milioni non sono forse l’ammontare di quanto non incassato dal Comune negli ultimi 4-5 anni? E ora ve ne siete accorti? Dio benedetto, ad ogni modo, se è così, con quale disavanzo chiuderemo il bilancio comunale? Con 7 milioni di euro in rosso, ma molto probabilmente ancora di più?

Non resta che attendere un paio di mesi, poi sapremo di che morte moriremo. Di sicuro, al di là di tutte le disgrazie che possono essere accampate, sta di fatto che questa Amministrazione comunale è responsabile di questa disastrosa gestione fallimentare. In tutto e per tutto, non condividendo questa colpa con nessun altro.

Una gestione deficitaria in tutto. Nella complessiva organizzazione della macchina comunale, nel rapporto con il personale, nel verde pubblico. Nel governo complessivo della città, persino nel coordinamento della campagna vaccinale.

Dai corridoi del palazzo arrivano anche altre pessime notizie: la spesa del personale ha sforato la soglia del 27% arrivando a toccare il 40% circa. Se è così, vorrà dire che per i prossimi anni non ci sarà possibilità di assumere neanche un nuovo dipendente, anzi, si dovrà lavorare per alleggerire l’organico. Insomma, se questa notizia trova conferma, siamo al cospetto di un altro disastro. Per dirla tutta, di una faglia capace di provocare terremoti devastanti nel già malconcio apparato comunale e nei relativi servizi resi ai cittadini.

Questo è, purtroppo.

Si sono offesi, in passato, quando i nostri amministratori sono stati definiti dei bravi ragazzi… lasciando intendere che fossero però poco esperti e competenti… e forse anche  incapaci. E ora, se davvero si rivelerà così rovinosa la situazione finanziaria del nostro Comune, come li dobbiamo chiamare? A questo punto, temiamo che avranno qualche ragione da vendere quanti hanno in passato asserito con convinzione che gli attuali amministratori comunali non sono all’altezza neanche di amministrare un condominio.

E il sindaco Servalli in tutto ciò cosa fa? Sta in silenzio. Non parla. Non chiarisce. Non spiega.

La speranza è che l’attuale Amministrazione comunale si attivi al più presto per mettere in equilibrio i conti. Certo, provvedendo alla riscossione dei tributi per quanto possibile, ma anche tagliando le spese ed eliminando gli sprechi.

L’impressione, però, è che sono bravi ad aumentare la pressione fiscale su noi poveri contribuenti, si veda l’aumento dell’addizionale Irpef, ma di tagliare le spese ed eliminare gli sprechi neanche a parlarne.

E speriamo che le opposizioni, in una situazione così difficile, facciano fino in fondo e tutte, nessuna esclusa, la loro parte. A tutela dei contribuenti cavesi, mettendo al bando il politicamente corretto. E, se servirà, prendere atto che, se è vero che “ci sarà pure un giudice a Berlino”, non occorre poi andare tanto lontano per sollecitare i dovuti controlli dei giudici contabili.

Articolo precedenteCovid-19, dove ci si infetta di più
Articolo successivoCAVA, IL METEO di ULISSE Giornata primaverile
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.