Le prossime elezioni e l’invito alla responsabilità di Papa Francesco

0
43

Nello schieramento di centrosinistra, com’era facilmente prevedibile, si sta lentamente costruendo un’alleanza elettoralmente competitiva.

L’accordo tra il Pd di Letta e Azione di Calenda, siglato nella giornata di ieri, rappresenta di sicuro un passo significativo in tal senso, ma c’è ancora molto da fare.

Certo è che ora la partita tra il centrodestra, o se si preferisce il destra-centro a trazione Meloni, e il centrosinistra, è molto più equilibrata.

Stando agli ultimi sondaggi, tuttavia, la coalizione guidata dalla Meloni resta la più forte e per ora vincente. Mancano però più di cinquanta giorni per il voto e la campagna elettorale è appena iniziata. Per farla breve, ci sono tutti i margini per mischiare le carte e influenzare la scelta degli elettori, soprattutto quella grande fetta rappresentata da chi è ancora indeciso o, peggio ancora, propensa a disertare le urne.

L’auspicio è che il confronto elettorale tra gli schieramenti che si contrappongono in questa consultazione avvenga sui contenuti, sui programmi, e non su polemiche pretestuose. Peggio ancora su scontri ideologici fondati su reminiscenze del secolo scorso piuttosto che sulla realtà politica e culturale odierna.

I temi su cui confrontarsi non mancano. Il nostro ruolo nell’Unione Europea, la guerra in Ucraina e la scelta atlantista da un lato.  La crisi energetica, il rilancio della nostra economia e l’ammodernamento del nostro Paese, concretizzando le opportunità offerteci dai fondi del Pnrr, dall’altro.

In conclusione, è un dovere tentare di non disperdere quello che di buono ha realizzato in quest’ultimo anno e mezzo dal governo di unità nazionale presieduto da Mario Draghi.

In altre parole, dare ascolto al recentissimo invito rivolto alle nostre forze politiche da Papa Francesco, che ha chiesto loro responsabilità. Una sola parola, responsabilità, che racchiude per tutti, però, impegni e doveri a tutto campo e senza soluzioni di continuità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.