Istat, natalità al minimo storico: 399 mila neonati nel 2021

0
26
foto Angelo Tortorella

Anche nel 2021 un livello molto negativo del saldo naturale: -309 mila unità

La pandemia allenta ma non rimuove la morsa sulle componenti demografiche.

Il 2021 restituisce un quadro complessivo nel quale la pandemia continua a esercitare effetti sul comportamento demografico, per quanto non al livello dell’anno precedente.

Sulla componente più diretta, quella della mortalità, nell’anno si riscontrano 709 mila decessi, il 4,2% in meno sul 2020 con un tasso per abitante pari al 12 per mille.

Di tali decessi, circa 59 mila sono dovuti a mortalità da e con Covid-19, come accertato dal Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

La progressiva riduzione delle misure nei confronti della mobilità ha permesso un sostanziale rialzo delle migrazioni sia con l’estero sia tra Comuni.

Le iscrizioni dall’estero sono state 286 mila, registrando un rialzo del 15,7% sul 2020. Le cancellazioni per l’estero, in totale 129 mila, subiscono invece una frenata del 19% sull’anno precedente, cosicché il saldo migratorio netto risultante perviene nel 2021 al livello di +157 mila (2,7 per mille), ossia a un livello analogo a quello rilevato nel 2019 quando della pandemia non vi era ancora traccia.

Per quanto riguarda la mobilità interna si rileva una crescita del volume complessivo del 5,9%: sono 1 milione 412 mila i trasferimenti registrati tra i Comuni italiani nel 2021, un livello non lontano da quello del 2019 quando se ne registrarono 1 milione 485 mila.

Tra gli elementi positivi si sottolinea un sostanziale sblocco dei vincoli oggettivi al desiderio di formare famiglia attraverso l’unione coniugale.

Superato il blocco pandemico del 2020, nel 2021 si sono
celebrati 179 mila matrimoni, con una crescita dell’85% sull’anno precedente che non ha tuttavia
riportato la frequenza annua al livello del 2019.

Un ambito che ancor più marcatamente segna la prosecuzione delle tendenze regressive in corso è
quello della natalità.

Con 399 mila neonati, l’anno 2021 certifica l’ennesimo traguardo storico del record di minore natalità mai registrato nella Storia d’Italia.

I fattori pandemici combinati alle questioni demografiche nazionali di lungo corso, tra le quali soprattutto quella del perdurante mantenimento della fecondità su valori minimi, hanno così determinato anche nel 2021 un livello molto negativo del saldo naturale, dato dalla differenza tra il numero d’iscritti per nascita e il numero di cancellati
per decesso
.

Dopo la cifra record di -335 mila unità del 2020, nel
2021 si è passati a -309 mila facendo così apparire un flebile ricordo, era il 2006, l’ultima volta in cui nascite e decessi erano in sostanziale equilibrio.

In tale contesto, i flussi migratori netti con l’estero, pur tornati ampiamente positivi nel 2021, sono ancora
lontani dal poter controbilanciare la perdita di popolazione dovuta a cause naturali, così come avveniva nel primo decennio degli anni 2000 e nella prima parte del secondo fino a tutto il 2013 incluso.

A margine del quadro nazionale, ma con effetti sostanziali, il comportamento demografico emerso nel 2021 comporta, sotto diversi profili, anche una crescita delle diseguaglianze territoriali. (fonte ISTAT)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.