Indagine Censis sulla sostenibilità sostenibile: il pragmatismo degli italiani batte la retorica

0
64

Il 79% è pronto a modificare lo stile di vita per ridurre gli impatti ambientali. A condizione però che i cambiamenti siano distribuiti in modo equo nella società (42,5%) e che i vantaggi compensino i costi (33,2%). Il 58,7% è disposto a pagare di più per prodotti e servizi green

Nella percezione degli italiani, la forma di sostenibilità considerata prioritaria è la sostenibilità economica (41,1%).

Al secondo posto c’è quella ambientale (32,1%), legata all’impegno per ridurre l’inquinamento e lottare contro il riscaldamento globale.

Al terzo posto, la sostenibilità sociale (26,8%), prioritaria per garantire la tutela dei gruppi sociali svantaggiati.

Anche il 46,2% dei giovani indica come prioritaria la sostenibilità economica, il 24,7% quella ambientale e il 29,1% quella sociale.

Fuori da ogni retorica e luogo comune, appare evidente l’aspirazione degli italiani per una sostenibilità ambientale che sia allo stesso tempo sostenibile da un punto di vista socio-economico e che risulti inclusiva, in grado di creare nel prossimo futuro un benessere di qualità accessibile a tutti.

Dalle opinioni degli italiani – anche i più giovani ‒ emerge un forte orientamento al pragmatismo.

È quanto emerge dal 1° Rapporto Edison-Censis «La sostenibilità sostenibile». 

Green sì, ma senza barricate ideologiche

Il 79% degli italiani si dice pronto a modificare il proprio stile di vita per ridurre l’impatto ambientale, a condizione però che i cambiamenti siano distribuiti in modo equo nella società (42,5%) e che i costi siano compensati dai vantaggi (33,2%).

La sostenibilità ambientale deve contribuire a vivere meglio, mai a ridurre il proprio benessere economico. E si guarda a una sostenibilità inclusiva, intesa come processo sociale dal basso, da vivere nei contesti minuti di ogni giorno, e non come imposizione dall’alto.

L’orientamento del consumatore post-pandemia

Il 48,2% degli italiani tornerà a usare il reddito come faceva prima dell’emergenza, mentre il 31,8% aumenterà il risparmio e solo il 9% consumerà di più (l’11% è indeciso).

In questo clima di incertezza, il consumatore decide come muoversi pensando non solo al prezzo – che comunque conta – ma riconoscendo i valori che un’impresa incarna e la qualità della relazione che è capace di instaurare con i suoi clienti. Oltre a essere disposti a spendere di più per prodotti e servizi che rispettano l’ambiente (58,7%) e a premiare le aziende che rispettano i diritti dei lavoratori (50,8%), il 54,6% degli italiani è disposto a pagare di più per prodotti e servizi italiani e il 49,6% per aziende impegnate in progetti sociali.

Il 41,5% si dichiara intenzionato a spendere qualcosa in più per un’azienda che ispira fiducia e mantiene sempre quel che dice, il 37,8% premia la disponibilità di punti vendita e di assistenza fisici, il 29,1% apprezza la trasparenza nei costi, il 23,6% è interessato a un call center ben funzionante e di facile accesso, il 22% vorrebbe ricompensare le aziende che non si avvalgono di pratiche di marketing aggressivo. Infine, per 8 italiani su 10 è essenziale la social reputation di un’azienda.

Trasparenza e energia da fonti rinnovabili: cosa conta oltre il prezzo

Al momento di sottoscrivere un contratto di fornitura con un gestore di luce e gas, per gli italiani il prezzo è importante, ma non è l’unica variabile esaminata.

Per il 53,9% le tariffe non rientrano tra le prime tre priorità considerate. Meno del 10% indica il prezzo come primo e unico fattore su cui incentrare la scelta.

Viene apprezzata la trasparenza dell’azienda sui costi e sui vincoli contrattuali, che risulta essere al primo posto per il 15,9% dei consumatori e è indicata nelle prime tre priorità dal 40,4%.

Il rispetto dell’ambiente e la lotta al riscaldamento globale rappresentano il fattore prioritario di scelta per l’11,2% e sono inclusi nelle prime tre priorità per il 29,2%. (fonte CENSIS)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.