Epifania, sono quasi 3,5 milioni gli italiani ancora in vacanza

0
12

Quasi 3,5 milioni di italiani sono in vacanza con il lungo weekend dell’Epifania che ha favorito nuove partenze che si sono aggiunte a quelle di coloro che sono fuori casa da Capodanno o addirittura Natale.

E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che il calendario favorevole ha favorito le nuove partenze ma anche l’allungamento delle vacanze di fine anno che registrano un aumento del 19% rispetto allo scorso anno.

“Sul podio delle destinazioni nelle vacanze quest’anno – sottolinea la Coldiretti – salgono le città e le località d’arte con il 48% seguite dalla montagna spinta dalla neve con il 38% mentre il resto si divide tra terme, mare e campagna. Il 67% ha scelto di alloggiare in case proprie, di parenti e amici o in affitto mentre il 24% preferisce l’albergo ma tengono le formule alternative come bed and breakfast e agriturismi dove si moltiplicano le iniziative per la notte della Befana”.

Con il lungo weekend dell’Epifania salgono a circa un milione i vacanzieri che hanno scelto l’agriturismo nelle ultime feste alla ricerca della buona tavola, di riposo e tranquillità secondo le indicazioni degli agriturismi di Campagna Amica.

“La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo resta – sottolinea la Coldiretti – la qualità più apprezzata degli agriturismi italiani che si confermano infatti come la più valida alternativa ai pranzi e ai cenoni casalinghi delle feste”.

“Nel tempo gli oltre 23mila agriturismi italiani hanno pero’ qualificato notevolmente la propria tradizionale offerta di alloggio e ristorazione con servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come – conclude la Coldiretti – l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness”. (fonte Coldiretti)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.