Cava, dai rifiuti a un nuovo patto sociale

0
134

Mettiamoci l’animo in pace, almeno per un po’. Dall’intervista rilasciata dal vicesindaco metelliano Nunzio Senatore al nostro giornale, pubblicata oggi, emerge, infatti, con chiarezza che la spending review, almeno per quanto riguarda il servizio di raccolta rifiuti, è rimandata a tempi migliori. Non ci sono, al momento, molti margini di manovra per ridurre sensibilmente i costi fin troppi elevati del servizio.

La situazione, purtroppo, è quella che è. Vi è, innanzi tutto, la duplicazione del servizio che viene effettuato, come da anni siamo perfettamente a conoscenza, da due soggetti, il Consorzio di Bacino Salerno 1, il carrozzone voluto a suo tempo dal governatore Bassolino, e la nostra Metellia. In pratica, stesso territorio, stesse strade, ma la raccolta è distinta rispetto alla tipologia dei rifiuti. Ne consegue una ovvia lievitazione dei costi complessivi di esercizio. Entro fine anno, salvo imprevisti, il personale del cantiere cavese del Consorzio di Bacino, da anni commissariato in vista del suo scioglimento, dovrebbe essere assorbito dalla Metellia. Ciò comporterebbe, riportiamo quanto affermato dall’assessore Senatore, un risparmio immediato di circa settecento mila euro sugli undici milioni che quest’anno sono previsti come spesa per la raccolta e smaltimento rifiuti.

Poi, c’è quella che il vicesindaco Senatore chiama ottimizzazione del servizio, un eufemismo che nasconde un altro spinoso problema, vale a dire l’esubero di personale che verrebbe fuori dalla fusione del Consorzio e di Metellia, ma che nei fatti esiste già ora.

E’ chiaro, a questo punto, che bisognerà inventarsi qualcosa per abbattere i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, visto che per legge  i comuni devono assicurare la copertura integrale dei costi caricandoli, ovviamente, sui contribuenti. Ciò potrebbe significare, si tratta di una delle possibili ipotesi di lavoro, che alla Metellia dovrebbero essere affidati altri servizi dove utilizzare in parte o tutto il personale in esubero, contrattando ovviamente l’intera questione con le organizzazioni sindacali. Insomma, un percorso per nulla agevole e scontato.

Fatti i conti, se tutto va bene, ovvero se avranno uno sviluppo positivo i diversi fattori in gioco, ci vorranno 2-3 anni per ottenere dei risultati davvero significativi nel contenimento dei costi del servizio.

Per il momento, bisogna accontentarsi di tenere acceso il fuoco con la legna che si ha. In questo, il vicesindaco e assessore Nunzio Senatore sembra avere le idee abbastanza chiare e l’entusiasmo giusto, ma soprattutto un approccio corretto, improntato a molto buon senso e munito di una buona dose di umiltà. In fondo, possiamo dire che abbiamo un vicesindaco operaio, che lavora quotidianamente gomito a gomito con i dipendenti del Comune e con quelli della Metellia, e tra la gente. La cosa in sé è positiva, non fosse altro perché meno si vive il Palazzo, più si ha contezza dei bisogni reali della città.

Per il resto, che dire? Ai segnali positivi che sta lanciando  l’attuale Amministrazione comunale in questi suoi primi due mesi di vita, occorre che da parte dei cittadini, quale che sia l’orientamento politico, vi sia una risposta positiva e una partecipazione fattiva. Questo, in parte, sta già avvenendo, in verità, attraverso i social. Tuttavia, oltre che nel virtuale, come cittadini dovremo sforzarci di contribuire alla res publica con i gesti concreti, i comportamenti quotidiani, ma anche con qualche azione materiale in più. Bisogna cioè dare qualcosa in più alla comunità come cittadini singoli o riuniti in associazione. In altre parole, valorizzare la sussidiarietà orizzontale, sviluppare la civicness, promuovere la solidarietà, la coesione sociale e il bene comune.

Se vogliamo evitare l’arretramento e il degrado delle nostre comunità locali, se non intendiamo rassegnarci ad avere minori servizi, dobbiamo giocoforza concorrere a rivedere il nostro rapporto cittadino-pubblico, ovvero società civile-istituzioni. A Cava come altrove, e a prescindere da questa o da una qualsiasi altra amministrazione, per forza di cose dobbiamo  puntare a  ripensare all’organizzazione delle nostre comunità attraverso un nuovo patto sociale.

E’, quest’ultimo, un tema complesso e delicato, che va di sicuro approfondito, come in futuro ci proponiamo di fare.

Per ora fermiamoci qui e accontentiamoci di contribuire nell’avere almeno una città più pulita e ordinata. (foto Angelo Tortorella)

Articolo precedenteA colloquio con il vicesindaco Nunzio Senatore: “Cava sarà una Green Valley”
Articolo successivoDal 29 agosto al 13 settembre la XX edizione di Pomigliano Jazz in Campania
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.