Amministrazione Galdi, occasione sprecata

0
174

La poderosa intervista rilasciata da Marco Galdi al nostro giornale, fa chiaramente capire come la sua Amministrazione sia stata una colossale occasione sprecata per il centrodestra e, ahinoi, per la città metelliana. In effetti, non sarà facile avere di nuovo quella sorta di “allineamenti dei pianeti” che si verificò nel 2010. Sarà assai improbabile, infatti, che in futuro quella stessa area esprimerà un primo cittadino dall’intelligenza politica e dallo spessore culturale dell’ex sindaco, così come è impensabile, almeno adesso, che un nuovo centrodestra riuscirà ad avere un consenso così ampio, quasi plebiscitario, come avvenne cinque anni fa. Ciò, però, dà anche la misura delle responsabilità, pesanti e diffuse, del fallimento politico e progettuale di quell’esperienza.

Nelle risposte di Marco Galdi vi è il tentativo di compiere un’analisi di quel disastroso patatrac politico e progettuale, e, poi, della conseguente sconfitta elettorale dello scorso giugno, che ha l’onestà intellettuale di riconoscere come sua. Le sue spiegazioni sono in larga misura condivisibili, ma non c’è autocritica, nel senso che gli errori e le scelte sbagliate da lui compiute non possono di sicuro limitarsi “al tempo eccessivo che ho trascorso negli uffici per affrontare le problematiche anziché tra la gente”. In altri termini, Galdi non ha ancora metabolizzato l’insuccesso, troppo vicino temporalmente per pretendere un mea culpa sereno e distaccato. Sarebbe questa, d’altronde, una pretesa umanamente eccessiva.

L’intervista, in ogni caso, dà non pochi spunti di riflessione. Ci limitiamo, per non tediare oltre i coraggiosi che leggeranno questo pezzo, solo ad alcune considerazioni.

C’è da osservare, innanzi tutto, che Galdi da un lato evidenzia, a ragione, la profonda crisi economica e finanziaria in cui è sprofondato il Paese negli anni del suo governo cittadino, dall’altro elenca un numero impressionante di opere pubbliche da realizzare o in corso di realizzazione. La sensazione è che il nostro, molto probabilmente, preso dall’aspirazione di realizzare opere pubbliche nell’interesse della comunità, non abbia saputo adeguarsi ad un mondo che cambiava rapidamente intorno a lui e che chiedeva altro. In altre parole, ai cavesi più che la realizzazione di nuove strutture, per quanto importanti, interessava piuttosto un minor carico fiscale, insomma, pagare bollette meno salate, soprattutto quella dei rifiuti, e una organizzazione comunale più efficiente ed incisiva. Per farla breve, piuttosto che di lavori pubblici, ci si accontentava di avere strade pulite e ordinate, marciapiedi sistemati e illuminati, e qualche vigile in più sul territorio. Molto banalmente, i cavesi volevano, e forse vogliono ancora, che venisse assicurato l’ordinario, in altre parole, il primo piatto in tavola piuttosto che il caviale e lo champagne.

D’altra parte, contrariamente a quanto pensa l’ex sindaco, l’attuale Amministrazione riceve plausi proprio per aver recuperato l’ordinario, mettendo in funzione qualche fontana, ripulendo strade e aiuole, provvedendo a fare un po’ di segnaletica stradale, e via di questo passo. E’ evidente che ora i cittadini vogliono questo, forse anche perché negli ultimi tempi di questo lamentavano o, visto che le richieste erano spesso inascoltate, ormai non parlavano neanche più, riservandosi di dare appena possibile la loro condanna nell’urna elettorale. Ed è quello che è, poi, successo.

Per il resto che dire? Indubbiamente le perplessità e le preoccupazioni che Galdi esprime sulla reale consistenza e qualità anche progettuale dell’Amministrazione Servalli sono comprensibili e in larga parte anche condivisibili, non fosse altro perché garantire l’ordinario è un dovere e già un risultato, ma lo spessore si misura su altro, in primo luogo, su quelle che sono le scelte strategiche e gli snodi amministrativi più impegnativi.

Per concludere, i dubbi sulla solidità amministrativa più che politica di Servalli e soci ci sono. E sono anche forti oltre che legittimi. Tuttavia, è ancora troppo presto per esprimere giudizi. L’auspicio, però, è che l’attuale governo municipale faccia bene, non fosse altro perché la città metelliana ne ha disperatamente bisogno.

Articolo precedenteMarco Galdi: “Il progetto politico di Servalli è povero d’idee di sviluppo per la città”
Articolo successivoL’unità ritrovata sulle riforme fa bene al Pd di Renzi
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.