Napoli, oggi pomeriggio nel segno del fuoco… le porcellane di Capodimonte

0
143

Questo oggi, martedì 17 gennaio, alle ore 16.30, in occasione della festa dedicata a Sant’Antonio Abate, patrono del fuoco, protettore dei ceramisti e di chi opera a contatto con il fuoco, il Museo di Capodimonte invita a partecipare ad un percorso di approfondimento sulle porcellane presenti nelle collezioni. 

Attraverso il racconto di Luca Pinto, presidente degli Amici della Real Fabbrica di Capodimonte, esperto del settore e ingegnere chimico, scopriremo i segreti della Real Fabbrica di Capodimonte, manifattura protetta voluta da Carlo di Borbone pochi anni dopo il suo insediamento nella città partenopea, amata e controllata dal sovrano assai più delle altre manifatture reali delle Pietre Dure o degli Arazzi che aveva aperto nella capitale.

La manifattura  nella sua breve vita (1743-1759) si impone nella produzione europea non solo sotto l’aspetto stilistico e tecnico ma anche per la capacità di coniugare, grazie anche alla presenza in essa di artisti centro-italiani,  il grande Rococò europeo con  la cultura e la tradizione napoletana.

Scopriremo insieme il segreto dell’arcano, la ricetta che venne messa a punto per la composizione dell’impasto, ad alto contenuto di silice rispetto alle altre manifatture note.

Il percorso sulle porcellane illustrerà in particolare quelle di Capodimonte, esposte in una piccola sezione realizzata per celebrare il trecentesimo anniversario della nascita del sovrano che sarà visibile sino alla fine del mese di gennaio.

Il percorso è a cura dei Servizi Educativi del Museo e real bosco di Capodimonte e sarà presentato da Paola Aveta e Valentina Canone.

Per partecipare al percorso guidato è obbligatoria la prenotazione. I prenotati potranno usufruire del biglietto ridotto di 4 euro (per bambini e ragazzi fino ai 18 anni l’ingresso è gratuito).

L’appuntamento per tutti i prenotati è alle 16.30 all’Ufficio Accoglienza del Museo (adiacente alla biglietteria).

Il biglietto ha validità giornaliera e dà la possibilità di lasciare il museo e rientrare anche più volte fino alla chiusura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.