Cava, è il pienone per l’incontro di giovedì prossimo su politica e civismo

1
360
foto Aldo Fiorillo

Ieri abbiamo annunciato l’incontro che Ulisse on line organizza per giovedì prossimo 15 luglio all’Holiday Inn sul tema “Un patto civico per il futuro della città?”. In poche ore abbiamo completato le prenotazioni. D’altra parte, c’era poco da dubitarne. I posti disponibili per partecipare all’incontro sono assai limitati rispetto alla voglia di ritornare a vedersi e discutere sulla politica, sulla città, sul futuro.

Dal viaggio compiuto da Ulisse on line con undici interviste ad altrettante personalità cavesi del mondo della politica, dell’imprenditoria, della pubblica amministrazione, dell’università, delle professioni, è emerso in modo molto netto che in città c’è un disagio di fondo. Per l’assenza, anche causa le restrizioni dovute al covid, del confronto politico, programmatico, progettuale, ma anche per il grigiore e la mancanza di una visione politica di crescita, di sviluppo. In breve, si avverte un difetto di prospettiva e non si intravede una idea di città.

Quello di giovedì sera, allora, non è un incontro contro qualcuno o qualcosa, ma per qualcosa. Innanzi tutto, per avviare un dibattito politico a tutto campo sul destino della città. E non escludiamo neanche che esso possa costituire uno stimolo per l’attuale Amministrazione comunale. E magari anche per le opposizioni, per la classe dirigente cittadina in generale.

La mia personale impressione è che la crisi della politica e dei partiti sia tale da dover pensare ad altro. Questo ovunque nel nostro Paese, ma forse nella nostra città questo lo avvertiamo di più perché fa parte del nostro vissuto quotidiano.

Da qui deriva la convinzione altrettanto personale che in prospettiva bisogna per forza di cose andare oltre gli schieramenti e i partiti. In breve, pensare a mettere su un patto civico per il futuro di Cava de’ Tirreni. Questo è il tema che abbiamo voluto dare a questo incontro, ma abbiamo aggiunto un punto interrogativo in quanto si tratta di un’ipotesi di lavoro. Tutta da discutere e definire. Almeno per ora.

Questo, forse, non solo a mio avviso, potrebbe essere la strada maestra per mettere insieme le migliori energie della città. Per tentare di avvicinare nuovamente alla politica e alla gestione amministrativa quanti si sono allontanati, a cominciare dal mondo delle professioni, del volontariato, della cultura…

In altri termini, mettere insieme in un progetto di governo civico persone di provenienza politica e culturale diversa. Uniti però da una identità programmatica e di intenti forte, chiara, definita. Non è un percorso facile, s’intende. Bisognerebbe in primo luogo cercare di scolorire per quanto possibile l’identità politica e puntare a rafforzare l’identità programmatica.

Questo già di per sé è cosa ardua e farà perdere pezzi per strada, ma in sede locale è una scelta inevitabile.

In questa ipotesi, a mio avviso, non ci vogliono veti nei riguardi di nessuno. Neanche però dare spazio a chi crede che questa sia l’occasione per mettere il proprio cappello da futuro candidato a sindaco o su altro. Occorre, al contrario, confrontarsi e misurarsi sui problemi.

L’obiettivo dovrebbe essere, in questa ottica, quello di mettere su innanzi tutto una squadra. Il motivo è semplice. I problemi e i ritardi accumulati soprattutto negli ultimi anni dalla nostra città sono enormi. Così come le difficoltà finanziare del nostro Comune e la poco felice situazione in cui versa la macchina comunale. Tutto ciò richiede non solo spirito di sacrificio e dedizione, ma anche autorevolezza, competenza, professionalità, da parte di chi è chiamato a gestire la cosa pubblica.

Il problema di fondo, dunque, non è individuare un sindaco, bensì, innanzi tutto, un programma, un progetto di città, un team il più possibilmente largo e qualificato di persone. Occorre mettere insieme esperienza, qualità politiche e competenze. In ultimo, fissare regole chiare e ferree sulla selezione del personale politico (dagli assessori ai consiglieri comunali, dal sottogoverno allo staff) per consentire a chi sarà chiamato a governare (in primis, il sindaco) di farlo con serenità e trasparenza attraverso procedure codificate di confronto e di verifica del lavoro fatto e da fare.

Detto ciò, concludendo, è bene chiarire una questione di fondo. L’iniziativa del giornale termina qui, con l’organizzazione di questo incontro pubblico. Ulisse non vuole assolutamente diventare un soggetto politico, bensì limitarsi a svolgere un ruolo di stimolo, di promozione.

Per cui il seguito all’incontro di giovedì prossimo, se ci sarà, è un compito che spetterà ad altri. Il giornale al più potrà sostenere, accompagnare, diffondere, ma altro non potrà e non farà.

Articolo precedenteMancanza di autosufficienza senile
Articolo successivoCava, rottura di una condotta idrica a Borgo Scacciaventi: portici invasi dall’acqua
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.