Cava, all’IIS “Della Corte-Vanvitelli” si discute di economia e lavoro green

0
188

Una partecipazione attiva e responsabile gli studenti dell’IIS “Della Corte-Vanvitelli” l’hanno dimostrata valorizzando il loro diritto alla formazione e informazione, cogliendo l’opportunità di rendere l’assemblea d’istituto efficace e costruttiva.

Nei giorni scorsi, sollecitati dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Franca Masi,  con un’assemblea tematica hanno partecipato alla conferenza “L’economia e il lavoro di noi giovani al tempo del Covid 19”.

“Un’opportunità per tutti -ha dichiarato la dirigente scolastica Masi- nel trattare, con il dottor Giovanni De Angelis, un argomento così importante al  tempo del Covid,  per avere delle dritte nell’uscire migliori e con più forza”.

Il relatore dottor  Giovanni De Angelis, ex alunno dell’istituto, ora direttore generale dell’ Associazione nazionale delle  industrie conserviere  italiane della Confindustria, ha subito  attirato l’attenzione degli alunni raccontando il suo percorso scolastico e professionale per incoraggiarli nel credere alle proprie capacità e potenzialità,  attenti a cogliere  le opportunità che la vita offre sempre. “Nonostante le criticità nel meridione, notevolmente aumentate, legate all’ eccesso di burocrazia  e mancanza di   figure professionali, credo che con progettazione e ottimizzazione delle  nuove risorse saranno richieste nuove figure professionali  da inserire nel mondo del lavoro”.

E, nonostante una disoccupazione giovanile importante l’invito del relatore  rivolto alle nuove generazioni è di guardare avanti con fiducia, indirizzando la formazione verso le proprie inclinazioni e non “dimenticare mai di sognare..una linfa necessaria per superare gli ostacoli” investendo sulla propria crescita culturale e professionale.

“C’è bisogno -ha affermato il dottor De Angelis– di lavorare su due  leve fondamentali: la rivoluzione digitale e l’ecosostenibilità, i cosiddetti green jobs.

A tal riguardo la Dirigente Scolastica ha ricordato l’iniziativa  della trasmissione “Caterpillar”di Radio 2 “M’illumino di meno”,  creata per porre all’attenzione di tutti il problema del risparmio energetico e che, nell’attuale edizione, pone l’accento anche sugli stili di vita per sollecitare gli alunni  a una vita più  green verso stili di vita sostenibili.

“Adesso tocca alla specie umana fare un salto di specie, un’evoluzione ecologica nel nostro modo di abitare il pianeta. Un invito agli alunni a fare  “salto di specie” verso la transizione ecologica, e attraverso un video raccontarla, partecipando alla prima trasmissione della web radio della scuola per la premiazione del più green”.

E, in un’ottica rivolta a una rivoluzione culturale, il dottor De Angelis ha invitato a fare coesione per competere, partendo dalle cose che ci uniscono non quelle che ci dividono, per trovare sinergia con l’altro, sia nelle relazioni sociali che professionali; con la speranza di percorrere insieme la strada verso obiettivi comuni raggiungibili da tutti.

Articolo precedenteCava, lutto Ronca
Articolo successivoCava, sul Wi-FI Italo Cirielli: “Ritardi nel progetto, si passi dalle parole ai fatti”
Laureata in Scienze politiche, indirizzo politico-internazionale, docente di ruolo nelle discipline giuridiche ed economiche da 27 anni,attualmente titolare all’IIS “Della Corte-Vanvitelli. Collaborazione da giovane universitaria con giornali locali Fermento, Confronto e L’Opinione, altresì con l’Osservatore romano, l’Avvenire e il Mattino. Da sempre impegnata nel volontariato prima con i minori, poi con i tossicodipendenti, poi attiva nei progetti missionari con i padri cappuccini in Congo, costituendo l’associazione Pietre Vive,di cui ricopre la carica di Presidente; nonché lavorando in rete per i Corridoi umanitari e sul territorio locale verso tutte le situazioni di disagio sociale ed economico; e con l’associazione Pax Christi per le scuole di Pace.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.