Amalfi, nuovo bando per la ristrutturazione e gestione dell’ex Fondo Fusco

0
26

La nuova concessione è trentennale per un complesso sportivo con foresteria, centro benessere, bar

Pubblicato il nuovo bando per la ristrutturazione e gestione dell’ex Fondo Fusco, mirato a restituire alla città di Amalfi e alla Costiera Amalfitana un palazzetto dello sport con palestra e campetto moderni e funzionanti.

Passa da 20 a 29 anni la concessione, il cui valore cambia da 17 a circa 24 milioni di euro, e che include lavori di riqualificazione delle varie strutture per un importo di poco più di 3 milioni di euro.

Oltre alla risistemazione e al rilancio del complesso sportivo, il bando prevede la ristrutturazione e gestione – all’interno dei tre ruderi che sorgono nell’ampia area verde del Fondo – di attività di riabilitazione, benessere, cultura, tempo libero, e servizi annessi, con relativo parcheggio.

Il Comune di Amalfi prevede, sempre da bando, una propria controparte per garantire l’equilibrio economico, con la concessione all’aggiudicatario di quota parte del finanziamento Credito Sportivo di circa 200mila euro, e della ex scuola di Pastena, struttura del valore di oltre 700mila euro.

Tutte le specifiche della gara a procedura aperta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa sono consultabili online con accesso gratuito, illimitato e diretto sul sito internet del Comune di Amalfi www.amalfi.gov.it e sulla piattaforma telematica utilizzata per lo svolgimento della gara, raggiungibile all’indirizzo internet: https://app.albofornitori.it/alboeproc/albo_comuneamalfi . La scadenza per la presentazione delle offerte  è fissata per il 7 settembre 2020 alle ore 9.00.

La pubblicazione dell’avviso arriva dopo il via libera formulato nelle settimane addietro dal Consiglio Comunale, che ha ratificato la riformulazione della proposta fatta dal consigliere delegato allo sport e agli impianti sportivi Francesco De Riso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.