Cava, sulla sicurezza l’assessore Del Vecchio chiede aiuto a Salvini?

0
423
L'assessore comunale Giovanni Del Vecchio (foto Gabriele Durante)

I furti nelle abitazioni sono ormai diventati una tristissima realtà per la nostra città. C’è indubbiamente allarme e il disagio, soprattutto in alcune zone delle città, in particolare quelle frazionali, è consistente e si tocca con mano. Inutile negarlo. E le rassicurazioni che le autorità dispensano con puntuale cadenza servono a poco. Come direbbero i nostri vecchi, il dolore è di chi lo sente e non di chi passa e guarda soltanto da lontano.

Tuttavia, se è legittimo da parte dei cittadini richiedere maggiori controlli e quindi più sicurezza, è anche vero che ottenere risultati apprezzabili soprattutto nell’immediato non è cosa propriamente facile.

Ad ogni modo, sul tema l’Amministrazione comunale e le Forze dell’ordine devono fare qualcosa di più per contrastare un fenomeno che incide fortemente sulla vita dei cittadini cavesi.

Sull’argomento, nella giornata di ieri si è speso con un comunicato l’assessore alla Polizia Locale, Sicurezza e Mobilità, Giovanni Del Vecchio. Ha fatto del suo meglio, ha cercato con affanno di mettere una pezza, ma non è che ci sia riuscito granché. Va indubbiamente apprezzata la sensibilità con cui ci ha messo la faccia, ma alla fine l’Assessore forse non è riuscito per nulla a rassicurare l’opinione pubblica sull’argomento. Il risultato è stato modesto: inanellare soltanto una serie di giustificazioni e considerazioni che lasciano il tempo che trovano.

Suo malgrado, però, perché bisogna dargli atto che la questione è assai spinosa e complicata e va ben oltre le sue possibilità e competenze. In altre parole, in certe situazioni chi non ha specifiche responsabilità può pure permettersi il lusso di dare dritte a buon mercato a chi, com’è il caso di Del Vecchio, in qualche modo per il ruolo occupato di fatto si sente chiamato in causa.

Detto ciò, nel comunicato l’assessore Del Vecchio dice bene che “la  violazione della propria casa è un crimine particolarmente odioso”, aggiungendo, in modo assai discutibile e anche fuori luogo, un “come pure è odiosa la speculazione politica su questi episodi”. Discutibile e fuori luogo soprattutto per due motivi. La speculazione politica presuppone un’opposizione, ma in città ci sono per davvero degli oppositori credibili che speculano su ciò? Noi non li vediamo, ma forse ci sono e ci farebbe piacere se Del Vecchio snocciolasse i loro nomi e cognomi. E se ciò fosse vero, ma ai cittadini che si vedono i ladri in casa, interessa l’opposizione che specula o che siano acciuffati i ladri che derubano?

Allo stesso modo, se è vero, come evidenzia l’assessore Del Vecchio, che “basta aprire i quotidiani o ascoltare le cronache dei telegiornali e vedere che ovunque, nelle città a noi vicine e nel resto dell’Italia, si verificano furti in abitazioni anche cruenti”, è altrettanto vero che, per i cittadini cavesi vittime di furti, un simile raffronto non ha nulla di consolatorio. Insomma, nella fattispecie non vale il detto mal comune mezzo gaudio. C’è poco da godere se la disgrazia di essere derubati è condivisa con altri poveretti quantunque di Cuneo o di Canicattì.

La chiusura finale della dichiarazione dell’assessore Del Vecchio riportata dal comunicato è, tuttavia, condivisibile fino all’ultima parola: “È una piaga a cui bisogna mettere rimedio e per questo, oltre a quanto può fare una amministrazione comunale con le risorse e gli uomini che si ritrova, chiediamo un intervento importante da parte degli Organi dello Stato affinché potenzino gli organici delle Forze dell’Ordine”.

Detta così, però, se l’assessore Del Vecchio non fosse un autorevole esponente di un’amministrazione di sinistra, potremmo scambiarlo per un sostenitore della politica di quel “fascista” del ministro Salvini e del decreto sicurezza bis. Insomma, più ordine, più risorse, più poliziotti e magari un po’ di severità in più nel sanzionare i reati e l’illegalità. Forse, però, per volere tutto ciò non occorre essere fascisti. O no?

Articolo precedenteIn arrivo fondi per la manutenzione della SS 18 Salerno-Vietri- Cava
Articolo successivoCava, il Liceo scientifico Genoino in viaggio con l’impresa turistica
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.