Cava, per Servalli è tempo di volare alto per non restare impantanato nel fango

0
538
foto Gabriele Durante

L’accesa polemica sulla crisi che ha investito l’Amministrazione comunale per l’ipotesi di collusione fra criminalità e politica, era inevitabile, anzi, scontatissima. C’è poco da meravigliarsi, insomma, se su Servalli & C. soffiano venti di tempesta politica metaforicamente simili a quelli dell’uragano Mangkhut, che in queste ore sta flagellando il sud est della Cina.

D’altro canto, quello che finora è emerso dall’inchiesta giudiziaria qualora fosse confermato dal seguito dell’indagine sarebbe di un’inaudita gravità. Tuttavia, è appena il caso di ricordare che è tutto da dimostrare e che nel nostro Paese vale ancora la presunzione di innocenza.

Certo, la responsabilità politica, così come l’etica e le ragioni di opportunità, precedono di gran lunga l’accertamento giudiziario. Questo per dire che non occorre una sentenza di condanna penale per assumere decisioni anche gravi quando si ricoprono incarichi politici e responsabilità istituzionali.

Per queste ragioni, l’assessore e vicesindaco Enrico Polichetti avrebbe fatto bene a dimettersi immediatamente quando i giornali hanno raccontato delle accuse rivoltegli da un pentito. Glielo imponevano motivi di opportunità e di sensibilità democratica e istituzionale, cosicché le sue dimissioni da tutti sarebbero state apprezzate e non di certo valutate come un’ammissione di colpevolezza. Ha aspettato, invece, che il sindaco Servalli lo dimissionasse insieme all’intera Giunta comunale per dichiarare che era sua intenzione dimettersi (sic!).  In pratica, Servalli è stato più lesto di lui a licenziarlo. Mah, due errori nel giro di poche ore, tuttavia, Polichetti va scusato in ragione del macigno che gli è precipitato addosso e che avrebbe fatto perdere la trebisonda a chiunque.

Ad ogni modo, il sindaco Servalli ha cercato di mettere in campo una reazione energica, compiendo una mossa estrema, ovvero l’azzeramento della Giunta. Era proprio necessario? Era un atto dovuto e più ancora utile? Gli servirà a qualcosa o si rivelerà un boomerang? Difficile a dirsi, qualcosa andava fatto, questo sì, ma per esprimere una valutazione compiuta al riguardo sarebbe necessario capire dove Servalli voglia andare a parare, in pratica, quale sia il suo disegno, l’obiettivo che vuole raggiungere.

In ogni caso, c’è da notare che, in un frangente così delicato e difficile, il sindaco Servalli ha tra le mani un’occasione d’oro, un’opportunità da cogliere che mai si sarebbe sognato di avere.

E’ singolare, infatti, che in questa contingenza, per come si sono messe le cose, il Sindaco  ha una forza politica, un potere contrattuale nei riguardi della sua maggioranza che non ha mai avuto in misura così sproporzionata. Insomma, mai come adesso ha le mani libere per formare un Giunta nuova di zecca, o quasi, comunque fuori dalle logiche dei partiti, con assessori tutti di spessore da prendere fuori dal consesso consiliare cittadino, ovvero dai gruppi che compongono la sua maggioranza (e che si sono affrettati a dargli il loro incondizionato appoggio), e magari qualcuno pure fuori dalle mura cittadina (ad esempio, un assessore alla cultura di notorietà nazionale).

In altre parole, il sindaco Servalli ha l’occasione di voltare pagina e cambiare passo anche in vista delle prossime comunali che sono sempre più vicine e ora più complicate per lui. Insomma, presentarsi alla città con una nuova squadra di assessori, con una sorta di esecutivo di salute pubblica, o, meglio ancora, con un compagine amministrativa tutta di sua esclusiva espressione.

In conclusione, il nostro primo cittadino con un po’ di coraggio e un pizzico di cinismo, che in politica non guasta mai, potrebbe trasformare un evento negativo in una positiva opportunità.

E una simile scelta di alto profilo politico-amministrativo potrebbe tornare utile anche per contribuire a scongiurare un’eventualità incombente e sciagurata: lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazione mafiosa.

Per tutte queste ragioni, mai come adesso ci permettiamo di consigliare al sindaco Servalli di volare alto, non fosse altro per evitare di restare impantanato nel fango.

Ora, o mai più.

Articolo precedenteOssa rotte
Articolo successivoCava, slitta la convocazione del Consiglio e l’opposizione pensa già alle prossime elezioni
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.